Marte rocce ambiente
Foto di WikiImages da Pixabay

La NASA aveva molte speranze sul Jazero Crater di Marte per capire di più sulla potenziale vita passata sul pianeta. I primi campioni di rocce del Rover Perseverance rivelano un ambiente sostenibile e potenzialmente abitabile. La roccia che ha rilevato ciò è di composizione basaltica e potrebbe essere il prodotto di colate laviche. L’origine vulcanica potrebbe aiutare gli scienziati a datare con precisione il momento in cui si è creato.

Ogni campione potrebbe essere un piccolo pezzetto di un quadro più ampio, portando ad una cronologia degli eventi più importanti di questo cratere. Alcuni di questi eventi includono la formazione del cratere Jezero, l’emergere e la scomparsa del lago e i cambiamenti del clima del pianeta nell’antico passato.

 

Marte, le rocce rivelano un ambiente sostenibile e potenzialmente vivibile

All’interno di queste rocce sono stati ritrovati dei sali che potrebbero essersi formati quando l’acqua limpida è evaporata, lasciando questi sali. I minerali di sale potrebbero aver intrappolato alcune bolle dell’antica acqua marziana. Quest’ultime potrebbero fungere da capsule temporali microscopiche, offrendo indizi sul clima e sulla possibile vita. I minerali di sale sono noti anche sul nostro pianeta per la capacità di preservare i segni della vita antica.

Il team era già a conoscenza che una volta questo cratere conteneva un lago, ma per quanto tempo questo non era ancora chiaro. Questa acqua sotterranea potrebbe essere collegata al lago o potrebbe aver viaggiato attraverso le rocce molto tempo dopo che il lago si era prosciugato. Sebbene gli scienziati non siano ancora in grado di dire se l’acqua che ha alterato queste rocce sia stata presente per decine di migliaia o per milioni di anni, sono più sicuri che sia rimasta lì abbastanza a lungo da rendere l’area più accogliente per la vita microscopica nel passato.

Perseverance sta ad oggi cercando campioni sul fondo del cratere per rispondere a domande sulla storia di Marte. I campioni promettenti sono sigillati in tubi di titanio che il rover porta nel suo telaio, dove verranno conservati fino a quando Perseverance non li lascerà cadere per essere recuperati da una missione futura. Il prossimo probabile sito campione di Perseverance è a soli 200 metri di distanza a “South Séítah”, una serie di creste coperte da dune di sabbia, massi e frammenti di roccia. Questa zona risulta essere più antica di Jazero e molto probabilmente fornirà una cronologia migliore di ciò che potrebbe essere accaduto in passato sul pianeta rosso.

Foto di WikiImages da Pixabay