esercizio-fisico-coronavirus

L’esercizio fisico è e sarà un fattore protettivo per molte malattie, incluso il coronavirus. Recenti studi eseguiti presso l’Università dell’Illinois indicano che esiste un effetto protettivo dell’esercizio sulla mortalità nei topi a causa dell’influenza.

Sebbene l’influenza non sia l’obiettivo attuale, diversi studi indicano che esercizi di intensità moderata proteggono le persone dalla morte di questo virus, che ha dimostrato un effetto benefico. D’altra parte, si è concluso che l’esercizio ha un effetto benefico sull’azione del vaccino antinfluenzale, migliorando l’azione degli anticorpi.

 

Evitare luoghi affollati

Ora, sia l’influenza che il coronavirus causano infezioni del tratto respiratorio, e dovrebbero essere prese misure importanti fino a quando non sarà disponibile un nuovo vaccino. Tuttavia, l’esercizio dovrebbe comunque essere promosso nella comunità, prendendo le precauzione adeguate e indossando le protezioni necessarie, dal momento che dobbiamo ricordare che l’attività fisica quotidiana ci offre una serie di benefici.

Ad esempio, ridurre la permanenza nei luoghi affollati (palestre e centri commerciali, ma anche luoghi attivi molto frequentati), potrebbe anche suggerire l’uso di maschere facciali durante l’allenamento, disinfettando le macchine con asciugamani inumiditi con alcool e, al termine dell’esercizio, lavarsi le mani con sapone e pulire con un asciugamano pulito.

Ad ogni modo, ora che le palestre sono chiuse, una bella passeggiata non può che farci bene. Si crede fermamente che questo sia un problema di salute globale, ma è altrettanto vero che il farmaco con i maggiori benefici nella popolazione sia l’esercizio e l’attività fisica. Ma sempre quando questo periodo di quarantena forzata sarà cessato.