modalità-goblin
Photo by Brigitta Schneiter on Unsplash

Un anno fa, i grandi lessicografi di Oxford Languages ​​avevano diligentemente alzato le braccia in segno di resa: e hanno scelto “vax” come parola dell’anno 2021. Ma quest’anno, il venerabile editore dietro l’Oxford English Dictionary è – come il resto di noi, a quanto pare – è passato alla modalità goblin completa. Solo che non tutti sanno cosa significhi.

La “modalità Goblin” – un termine gergale che si riferisce a “un tipo di comportamento che è impenitentemente autoindulgente, pigro, sciatto o avido, tipicamente in un modo che rifiuta le norme o le aspettative sociali” – è stata nominata Parola dell’anno 2022 da prestigioso editore.

Sì, avete letto bene. Dopo un voto popolare online schiacciante, uno scherzo che è salito alla ribalta grazie a un tweet virale satirico che coinvolge un’attrice, un rapper e un titolo falsificato è stato chiamato One Word to Rule Them All del 2022. E la resa – la nostra – è fatta.

Nuove parole prendono piede quando catturano la nostra immaginazione o riempiono un buco con una parola per un concetto che dobbiamo esprimere“, ha dichiarato Katherine Connor Martin, product director di Oxford Languages. “Quello che mi dice la ‘modalità goblin’ è che ha risuonato con la sensazione che la pandemia sia finita, ma siamo ancora alle prese con essa. Vogliamo tornare alle nozioni di rispettabilità del mondo pre-pandemia?”.

 

Parola dell’anno tra viralità e hashtag

La parola dell’anno si basa su prove di utilizzo tratte dal corpus continuamente aggiornato di oltre 19 miliardi di parole di Oxford, raccolte da fonti di notizie in tutto il mondo di lingua inglese. La selezione, secondo Oxford, intende “riflettere l’ethos, l’umore o le preoccupazioni” dell’anno precedente, pur avendo “il potenziale come termine di significato culturale duraturo“.

Normalmente, i lessicografi di Oxford assemblano un elenco di parole che hanno avuto un’impennata statisticamente rilevante, quindi ne scelgono una. Quest’anno hanno adottato un approccio più populista, annunciando una lista di tre – “modalità goblin“, appunto, “#IStandWith” e ” metaverse ” – e poi lanciandola a un voto pubblico online di due settimane.

Le origini precise della “modalità goblin” sono oscure. È apparsa su Twitter già nel 2009, secondo Oxford, ma è diventata virale la scorsa primavera, grazie a un tweet satirico con un titolo di fake news che citava l’attrice Julia Fox e secondo il quale lei e Kanye West si erano lasciati perché a lui non piaceva quando “è passata alla modalità goblin“. La Fox, in seguito, ha pubblicato una smentita su Instagram Stories, dicendo: “Solo per la cronaca, non ho mai usato la frase ‘modalità goblin’“.