aerei-clima

Mentre gli aeroplani navigano nella troposfera, i loro motori espellono i gas di scarico e lasciano tracce di vapore acqueo che possono formare nuvole sottili chiamate stele. La maggior parte di questi sentieri si dissipano rapidamente, ma nelle giuste condizioni possono rimanere per ore e, quando ciò accade, contribuiscono al cambiamento climatico.

Si stima che il riscaldamento atmosferico associato a queste stele sia maggiore di quello causato dalle emissioni di anidride carbonica prodotte dall’industria aeronautica. Questo fatto sorprendente ha portato alcuni scienziati a chiedersi se questo effetto crescerà man mano che i cieli continueranno a essere trafficati dagli aerei.

 

Riscaldare l’atmosfera

Per approfondire questo argomento, una coppia di ricercatori del Centro aerospaziale tedesco (DLR) ha analizzato come cambierà l’effetto del riscaldamento atmosferico delle stele, utilizzando un modello climatico precedentemente sviluppato e un database delle emissioni del trasporto aereo del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti.

Per l’anno 2005, il traffico aereo ha contribuito per circa il 5% all’influenza umana sui cambiamenti climatici. Le loro scoperte mostrano che, entro il 2050, il riscaldamento indotto dalle steli potrebbe essere tre volte più alto di quanto non fosse nel 2006. In effetti, i ricercatori prevedono che questo tipo di riscaldamento superi quello prodotto dalle emissioni di biossido di carbonio (CO2). 

La ricercatrice Ulrike Burkhardt, affiliata all’Istituto di fisica dell’atmosfera del DLR e coautore dello studio, ha spiegato: “Di solito, la gente pensa che le nuvole raffreddino la superficie della Terra. Per le nuvole inferiori, è vero, dal momento che riflettono la luce del sole. Ma le nubi alte, come le scie prodotte dagli aeroplani, hanno più probabilità di riscaldare l’atmosfera, perché assorbono la radiazione termica emessa dalla Terra“.

 

Impatto ignorato

I ricercatori hanno indicato che l’impatto delle stele sul riscaldamento globale sarà più pronunciato in Nord America e in Europa, le aree di traffico aereo più congestionate del mondo, ma aumenterà anche in modo significativo in Asia, poiché i viaggi aerei aumentano, come è previsto. Solo negli Stati Uniti, il traffico aereo supera i 40.000 voli al giorno.

L’aviazione ha già un’influenza considerevole sul clima. Nel 2005, il traffico aereo ha contribuito per circa il 5% all’influenza umana sul cambiamento climatico. Da allora, quel numero è aumentato solo: il traffico aereo raddoppia circa ogni 15 anni. Tuttavia, i ricercatori sottolineano che le politiche volte a ridurre l’influenza dell’aviazione sul cambiamento climatico si concentrano sulle emissioni di CO2, ignorando quasi l’impatto che le stele hanno.

A questo proposito, gli autori osservano che i risultati dello studio evidenziano l’importanza di riconoscere l’impatto significativo che l’aviazione, comprese le steli, ha sul clima, in modo che tutti dovrebbero tenerne conto, sia per conto dei propri piani di viaggio, come la creazione di sistemi di controllo delle emissioni o la preparazione di accordi politici.