cani-cancro

I cani hanno recettori olfattivi diecimila volte più accurati degli umani, rendendoli così altamente sensibili agli odori che non possiamo percepire. Un nuovo studio ha dimostrato che i cani possono utilizzare il loro senso dell’olfatto estremamente evoluto per identificare campioni di sangue di persone affette da cancro, con un’accuratezza del quasi 97%. I risultati potrebbero portare a nuovi approcci per lo screening del cancro poco costosi e precisi, oltre che non invasivi.

Anche se attualmente non esiste una cura per il cancro, la diagnosi precoce offre la migliore speranza di sopravvivenza“, ha affermato Heather Junqueira, ricercatrice presso BioScentDx che ha condotto lo studio. “Un test altamente sensibile per rilevare il cancro potrebbe salvare migliaia di vite e cambiare il modo in cui viene trattata la malattia“.

 

Lo studio

Per il nuovo studio, Junqueira e i suoi colleghi hanno utilizzato un modulo di addestramento per insegnare a quattro beagles a distinguere tra siero normale e campioni di pazienti con carcinoma polmonare maligno. Sebbene un beagle non abbia restituito i risultati sperati, gli altri tre cani hanno identificato correttamente i campioni di cancro del polmone per il 96.7% dei casi e quelli normali per il 97.5%.

Questo lavoro è molto eccitante perché apre la strada a ulteriori indagini in due direzioni, che potrebbero portare a nuovi strumenti di rilevamento del cancro“, ha detto Junqueira. “Una di queste sta usando il rilevamento dei canini come metodo di screening per il cancro e l’altra dovrebbe determinare i composti biologici rilevati dai cani e, quindi, progettare test di screening del cancro basati su tali composti“.

BioScentDx prevede di utilizzare il rilevamento degli odori da parte dei cani per sviluppare una forma non invasiva di screening per il cancro e altre malattie potenzialmente letali. Come passo successivo, l’azienda ha lanciato uno studio sul cancro al seno a novembre, durante il quale i partecipanti hanno donato campioni della loro respirazione allo screening di cani addestrati ad “annusare” il cancro. I ricercatori hanno anche in programma di separare i campioni in componenti chimici e presentarli ai cani per isolare le sostanze che causano gli odori che i cani rilevano.