vino
Photo by Maksym Kaharlytskyi on Unsplash

Le opinioni sono discordanti e, sicuramente, almeno una volta ci siamo imbattuti in qualche articolo in cui si afferma che bere alcolici in modo moderato fa bene alla salute. E, infatti, molte persone sembrano adottare questa abitudine come strategia per vivere più a lungo. Tuttavia, diversi studi hanno rivelato l’influenza dannosa che il consumo di alcol ha sulla durata della vita delle persone.

Questa idea astratta deriva da un lavoro secondo il quale esisterebbe un’elevata mortalità tra le persone che si astengono dall’alcol. Ora un nuovo lavoro pubblicato sulla rivista PLOS Medicine rivela che questa elevata mortalità non è dovuta a questa privazione.

 

Impatto del consumo di alcol sulla salute dei tedeschi

I ricercatori hanno utilizzato i dati di un campione casuale di 4.028 adulti tedeschi che avevano partecipato a un’intervista standardizzata condotta tra il 1996 e il 1997. All’epoca, i partecipanti avevano tra i 18 ei 64 anni. Per valutare lo stato precedente, hanno anche utilizzato dati su alcol, droghe e altri usi sanitari nei 12 mesi precedenti l’intervista. Inoltre, hanno considerato i dati sulla mortalità dal follow-up 20 anni dopo.

Gli astemi avevano un tasso di mortalità simile a quello dei consumatori

Hanno scoperto che solo 447 dei partecipanti non avevano bevuto alcolici nei 12 mesi precedenti l’intervista. Tra questi, 405 erano ex consumatori di alcol, mentre 322 di loro presentavano uno o più fattori di rischio per alti tassi di mortalità. Ad esempio, un disturbo da uso di sostanze, fumo quotidiano o una salute da buona a scarsa. Mentre 125 persone che si sono astenute dall’alcol non avevano nessuno di questi fattori di rischio.

Nonostante ciò, i risultati sono coerenti con quelli degli studi che suggeriscono che le persone che si astengono dall’alcol hanno un tasso di mortalità più elevato rispetto a coloro che bevono quantità di alcol da basse a moderate. Le persone in astinenza senza fattori di rischio non hanno mostrato una differenza statisticamente significativa nella mortalità totale, cardiovascolare o per cancro rispetto a coloro che consumavano alcol da basso a moderato.

 

I fattori di rischio prima dell’astinenza potrebbero spiegare la maggiore mortalità degli astemi

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che i disturbi dell’uso di alcol di vecchia data, l’uso rischioso di alcol, il fumo quotidiano di tabacco e la salute da giusta a cattiva sono fattori che influenzano la morte prematura tra gli astemi. “I risultati supportano l’idea che le persone nella popolazione generale che attualmente si astengono dall’alcol non hanno necessariamente un tempo di sopravvivenza più breve rispetto alla popolazione con un consumo di alcol da basso a moderato“, affermano gli autori. “I risultati parlano contro le raccomandazioni di bere alcolici per motivi di salute“.

È stato a lungo sostenuto che un consumo di alcol da basso a moderato potesse avere effetti positivi sulla salute umana, ma questo studio lo esclude. L’elevata mortalità tra gli astemi sembra essere dovuta alla presenza di fattori di rischio del passato che hanno lasciato un segno significativo sulla loro salute.