marte-calendario-giorni-extra

Appena due giorni fa era il 29 febbraio, un giorno aggiuntivo che compare ogni quattro anni. In realtà l’aggiunta di questo giorno non segue un calcolo così semplice, tanto che in passato ci sono stati secoli senza anni bisestili. Su Marte la situazione è ancora più complessa, un calcolo che farebbe impazzire chiunque.

Per cominciare, l’anno di Marte non è della stessa lunghezza di quello della Terra. Il pianeta rosso ci impiega 668,6 giorni a girare intorno al sole. Un giorno equivale a 24 ore, 39 minuti e 35.244 secondi. Nel caso venissero creata delle vere colonie sul nostro vicino allora bisognerebbe considerare come gestire il calendario.

Per fortuna, un modo per calcolare un eventuale calendario è già stato fatto decenni di anni fa. Per esempio, nel 1985 Tomas Gangale aveva proposto il calendario Darian. Quest’ultimo si sarebbe basato su criteri particolari.

 

Il calendario di Marte

Secondo il calendario Darian i mesi sarebbero 24. I nomi usati sono le traduzioni latine e sanscrite delle costellazioni dello zodiaco. I primi cinque mesi hanno 28 giorni mentre il sesto ne ha 27. Così si ripete fino ad arrivare a 24, una divisione in quattro parti. Ci saranno poi anni da 668 giorni e anni da 669 con in alcuni casi anche da 670.

C’è un’altra alternativa, un calendario marziano proposto da uno scienziato della NASA ormai in pensione. In questo caso ci sarebbero anni da 668 giorni con 22 mesi divisi tra quelli con 30 giorni e quelli con 31. In aggiunta, ogni cinque anni, un anno sarà caratterizzato da 671 giorni quindi 3 mesi con un giorno in più a testa. Attualmente ci sono altre proposte che stanno venendo vagliate come un calendario che non tiene conto delle stagioni terrestri.