Ampie distese di rifiuti di plastica si sono diffuse su una remota isola di Henderson attraverso le onde che hanno spazzato via i resti a terra, portando circa 18 tonnellate di rifiuti di plastica sull’isola disabitata, tra la Nuova Zelanda e il Perù nell’Oceano Pacifico. Secondo i racconti di chi l’ha visitata e di chi ne preserva le caratteristiche incontaminate, la lontana isola era un paradiso impeccabile a causa della sua lontananza – da 5.500 Km di oceano in entrambe le direzioni – e, nel 1988, divenne un patrimonio mondiale protetto dall’UNESCO a causa della sua notevole biodiversità e lunghe spiagge sabbiose.

Tuttavia, Henderson Island ha raggiunto il livello più alto di inquinamento provocato dall’uomo che si possa trovare in qualsiasi parte del mondo, diventando una delle più alte concentrazioni di materie plastiche sul pianeta a causa delle correnti oceaniche. Ci sono 38 milioni di pezzi di immondizia di plastica sull’isola e altri vengono trasportati sulla spiaggia ad un ritmo fino a 3.500 pezzi al giorno. Gli scienziati hanno avvertito del grande problema che sta soffrendo l’isola. “Abbiamo trovato detriti provenienti quasi da ovunque“, ha detto Jennifer Lavers, ricercatrice australiana che ha condotto un viaggio esplorativo. “Avevamo bottiglie, contenitori e tutti i tipi di attrezzi da pesca“.

 

Un contenitore, 500 animali morti

Oltre ad essere sgradevole, questa lettiera a cielo aperto può essere mortale. Le materie plastiche monouso si trovano spesso nello stomaco di uccelli marini morti e balene. Altre creature marine rimangono fatalmente intrappolate. I granchi eremiti si arrampicano nei contenitori di plastica, rimangono intrappolati e muoiono di fame. La puzza in decomposizione attira altri granchi che, a loro volta, periscono. Un contenitore di pesticidi rovesciato sulla spiaggia conteneva i cadaveri di 500 creature, raccontano i volontari che hanno aiutato nell’impresa – vana – di contrastare e contenere l’accumulo di plastica.

Le materie plastiche finiscono nella catena alimentare. Sebbene i volontari rimuovano tutta la spazzatura visibile, la maggior parte dell’inquinamento è nascosto persino in profondità nella sabbia, disintegrandosi sulla costa, con una stima di 2.000 piccoli oggetti per metro quadrato.

Henderson si trova nel mezzo del mulinello del Pacifico meridionale, un vasto oceano circolare che scorre lungo la costa orientale dell’Australia fino alla costa occidentale del Sud America.