marte-nubi

Le nubi di Marte potrebbero essere formate dai resti delle meteore a causa di un fenomeno noto come “fumo meteorico”, rivelato oggi da uno studio dell’Università del Colorado a Boulder pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

Gli astronomi, che per lungo tempo hanno osservato le nubi nell’atmosfera media di Marte – le quali si sviluppano a circa 30 chilometri sopra la superficie marziana – hanno ipotizzato che fossero sempre generati da qualcosa.

Nel caso della Terra, nuvole basse si formano con minuscole particelle di sale marino o polvere che si innalzano nell’aria e alle quali si raccolgono le molecole d’acqua. Lo studio ha rivelato che le nubi marziane devono la loro esistenza al “fumo meteorico”, formato dalla polvere ghiacciata generata dai detriti dello spazio che finisce nell’atmosfera del pianeta rosso.

La professoressa Victoria Hartwick, autrice principale della ricerca, ha spiegato che, in media, tra due e tre tonnellate di detriti spaziali si schiantano su Marte ogni giorno, così che, quando queste meteore raggiungono l’atmosfera del pianeta, depositano un grande volume di polvere nell’aria.

 

La ricerca

Per scoprire se questo fumo sia stato sufficiente a dare luogo alle nuvole in questione, il team di Hartwick si è rivolto a simulazioni al computer che hanno cercato di imitare il flusso e la turbolenza dell’atmosfera di Marte, includendo i resti di meteore nei calcoli e rilevando la formazione di nuvole.

Gli esperti hanno evidenziato che le nuvole studiate sono più simili a “pezzi di zucchero filato” che a quelle terrestri, anche se hanno sottolineato che il loro aspetto raffinato non significa che non abbiano un effetto importante sul clima.

Secondo gli esperti, potrebbero essere la causa delle temperature alle alte altitudini che salgono o scendono a 10 gradi Celsius. I risultati, secondo i ricercatori, possono aiutare a rivelare l’evoluzione del passato del pianeta e aiutare a chiarire come potrebbe trattenere l’acqua liquida sulla sua superficie.