disgelo

Lo scioglimento delle calotte di ghiaccio della Groenlandia e dell’Antartide, così come l’innalzamento del livello degli oceani, potrebbero moltiplicare eventi meteorologici estremi e destabilizzare il clima in alcune regioni nei prossimi decenni, secondo uno studio pubblicato su Nature.

I miliardi di tonnellate di acqua proveniente dal ghiaccio in fusione, in particolare dalla Groenlandia, potrebbero indebolire le correnti oceaniche che attualmente trasportano l’acqua fredda verso sud immergendola sul fondo dell’Atlantico e spingendo verso nord le acque tropicali, più vicine all’oceano. superficie.

 

Cambiamento climatico inevitabile

Conosciuto sotto l’acronimo inglese AMOC (Atlantic meridional overturning circulation, ovvero Capovolgimento meridionale della circolazione atlantica), questo meccanismo oceanico svolge un ruolo cruciale nel sistema climatico e aiuta a mantenere un certo calore nell’emisfero settentrionale. 

L’AMOC è un grande sistema di correnti oceaniche, come un nastro trasportatore, guidato da differenze di temperatura e contenuto di sale – la densità dell’acqua. Mentre l’acqua calda scorre verso nord, si raffredda e si verifica qualche evaporazione, che aumenta la quantità di sale. La bassa temperatura e l’alto contenuto di sale rendono l’acqua più densa che sprofonda negli abissi dell’oceano. L’acqua fredda e densa si diffonde lentamente verso sud, diversi chilometri sotto la superficie. Alla fine, viene riportato in superficie e riscaldato in un processo chiamato “upwelling” e la circolazione è completa.

Secondo i nostri modelli, lo scioglimento del ghiaccio causerà notevoli perturbazioni nelle correnti oceaniche e cambierà i livelli di riscaldamento della Terra“, spiega l’autore principale Nicholas Golledge del Centro di ricerca sull’Antartide presso la Victoria University di Wellington in Nuova Zelanda.