mele-neuroni
Foto di Comfreak da Pixabay

Una mela al giorno, leva il medico di torno“. Il vecchio adagio sembra non smentirsi mai. Un team di scienziati, infatti, ha condotto uno studio sui ratti e si è reso conto che le sostanze chimiche presenti in questo frutto aiutano nella neurogenesi e proteggono dalla morte cellulare.

Oltre alla saggezza popolare, ci sono molti studi che indicano i benefici delle mele, ma ora la scienza arriva a corroborare i miti. I composti naturali trovati nel “frutto proibito” possono aiutare a stimolare la produzione di nuovi neuroni, che possono avere implicazioni per l’apprendimento e la memoria, afferma lo studio pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports.

Precedenti studi hanno già dimostrato che i fitonutrienti vegetali come il resveratrolo (che si trova nell’uva rossa) o l’epigallocatechina (presente nel tè verde) possono avere effetti positivi su diverse parti del corpo, compreso il cervello.

Ora i ricercatori Tara Louise Walker e Gerd Kempermann hanno scoperto che le alte concentrazioni di fitonutrienti nelle mele stimolano la generazione di nuove cellule cerebrali, un processo chiamato neurogenesi.

 

La ricerca

Per giungere a questa conclusione, il team ha coltivato in laboratorio cellule staminali cerebrali di ratti a cui sono state aggiunte quercetina o acido diidrossibenzoico (DHBA), fitonutrienti comunemente presenti nelle mele. In questo modo, il team ha osservato che il cervello dei ratti ha iniziato a generare più neuroni e che erano anche meglio protetti dalla morte cellulare.

Altri test effettuati successivamente hanno dimostrato che in diverse strutture del cervello adulto dei ratti, associate all’apprendimento e alla memoria, le cellule staminali si moltiplicavano e generavano più neuroni quando gli animali ricevevano alte dosi di quercetina.

Nello studio, gli effetti sulla neurogenesi erano paragonabili a quelli osservati dopo l’esercizio, noto anche per aiutare a formare nuovi neuroni. “Questo studio suggerisce che i composti presenti in natura nella frutta, come la quercetina, il DHBA e potenzialmente altri, possono agire per promuovere la neurogenesi e la funzione cerebrale se somministrati in alte concentrazioni“, affermano i ricercatori.

Tuttavia, gli scienziati sottolineano che sono necessari ulteriori studi per dimostrare che questi fitonutrienti possono aiutare a migliorare l’apprendimento e la funzione cognitiva in altri animali, inclusi gli esseri umani.