un-hotel-a-10-stelle-in-orbita-lidea-per-ampliare-la-stazione-spaziale-internazionale

Il turismo spaziale era una realtà nei primi anni 2000, una realtà che è durata molto poco e per una manciata di fortunati miliardari. Con l’avvento delle società private come SpaceX tutto può cambiare e il turismo in tal senso potrebbe tornare più in voga di prima. Solo una fantasia di pochi milionari? Si, ma non esattamente una fantasia visto che la NASA ha mostrato le prime immagini di un hotel a 10 stelle.

Questa creazione dovrebbe venir spedita in orbita pezzo per pezzo e verrà attaccata alla Stazione Spaziale Internazionale. È il frutto di una collaborazione tra la stessa agenzia spaziale statunitense e Axiom la quale produce veicoli spaziali e altri componenti.

Il progetto prevede tre nuovi moduli completamente abilitabili dotati di una finestra per ammirare il panorama spaziale. Un modulo commerciale che cambierà il volto della famosissima Stazione Spaziale Internazionale e che la spingerà verso la privatizzazione.

 

Un hotel a 10 stelle in orbita

Il primo modulo chiamato proprio Axion dovrebbe venir spedito in orbita già nel 2024 e collegarsi all’ISS. A questo dovrebbe unirsi un altro modulo centrale, uno pensato per l’equipaggio dell’hotel e uno per i privati. Il soggiorno previsto dovrebbe essere di circa 10 giorni. Si creerebbe un via vai di navicelle fattibile proprio grazie a una caratteristica di SpaceX ovvero avere dei booster riutilizzabili e non usa e getta.

Oltre i 10 giorni di soggiorno però, c’è da specificare che ci saranno anche due settimane di addestramento in quanto la Stazione Spaziale Internazionale rimane un luogo con un ambiente estremo. Serve essere preparati a tutto.