coronavirus-5g-facebook-attacco

Le fake news sono un fenomeno presente in tutto il mondo e su tutti gli argomenti. Uno dei più discussi durante questo periodo di emergenza è il collegamento senza senso tra il coronavirus e il 5G. La situazione, per lo meno nel Regno Unito, si è evoluta così tanto che alcuni si sono messi ad attaccare le torri dov’erano presenti le centraline per la suddetta rete.

Nonostante chi di dovere stia provando a cercare di far abbassare i toni, la portata del problema è ancora ampia. Su Facebook, parte attiva che sta cercando di buttare giù i contenuti falsi in merito a questo, si sta rivelando troppo lenta in confronto alle mosse degli utenti.

Un altro problema che è sorto è che anche gli ingegneri collegati alla rete stanno ricevendo pensanti molestie. Diverse società che lavorano nel settore delle telecomunicazioni hanno riferito che il personale specializzato ha ricevuto aggressioni verbali e in alcuni casi anche fisiche.

 

Coronavirus e 5G: le fake news continuano

La dichiarazione di un portavoce di Facebook: “I contenuti che incoraggiano gli attacchi agli alberi 5G e ai lavoratori delle telecomunicazioni violano chiaramente le nostre politiche e stiamo intraprendendo azioni proattive su pagine, gruppi e post per rimuovere contenuti che promuovono questo comportamento.”

“Nell’ultima settimana, in base alle nostre attuali politiche contro la disinformazione dannosa, abbiamo anche iniziato a rimuovere false affermazioni secondo cui la tecnologia 5G causa i sintomi o la contrazione di COVID-19. Stiamo adottando misure aggressive per impedire la disinformazione e il contenuto dannoso che si diffondono sulle nostre piattaforme e collegano le persone a informazioni accurate del SSN sul coronavirus.”