coronavirus-kaspersky

I file dannosi mascherati da documenti PDF, mp4 e docx relativi al coronavirus circolano su Internet. La società di sicurezza informatica Kaspersky ha trovato file dannosi mascherati da documenti relativi al virus che sta scatenando una pandemia in tutto il mondo. I file sono stati mascherati in file PDF, mp4 e docx e avevano una designazione che li contrassegnava come contenenti istruzioni video su come proteggere e rilevare il virus, nonché gli ultimi aggiornamenti sull’argomento.

Tuttavia, i file erano solo il veicolo per una serie di minacce (trojan e worm) con la capacità di bloccare, modificare, copiare e persino distruggere i dati o interferire con il funzionamento di computer e reti di computer.

 

Un virus anche virtuale

Lo scoppio del nuovo virus rilevato in Cina è già diventato una vera minaccia per la sicurezza informatica e, ad oggi, la società ha identificato 10 file dannosi.

Il coronavirus e l’evoluzione del suo stato di propagazione sono attualmente nelle notizie su tutti i media, un argomento così popolare che è già stato usato dagli hacker come esca“, sottolinea, in una nota Anton Ivanov, analista di malware di Kaspersky. “Finora abbiamo identificato dieci file di malware, ma si prevede che questo numero aumenterà, a causa dell’interesse che la malattia suscita, non solo con i media, ma anche con la popolazione generale“, ha aggiunto il funzionario.

Dato che le persone vedono sempre più la propria salute a rischio, si prevede che un maggior numero di malware nascosti si diffonderà in documenti falsi sul coronavirus“, ha ipotizzato in seguito.

La società di sicurezza informatica raccomanda agli utenti di evitare collegamenti sospetti che promettono contenuti esclusivi, prestare attenzione all’estensione dei file scaricati e ricorrere a soluzioni di sicurezza affidabili per proteggere i propri computer.