calendula

Molte indagini di farmacologia sono iniziate da conoscenze ancestrali. È così che gruppi di ricercatori multidisciplinari hanno sviluppato prodotti con attività terapeutiche per prendersi cura e migliorare la qualità della vita delle persone. Questi studi non hanno solo influenzato la farmacia, ma hanno anche beneficiato di altri settori come cibo e cosmetici, solo per citarne alcuni“. Secondo il direttore scientifico e medico di Labfarve e professore ordinario e ricercatore presso la Fondazione Università Juan N. Corpas, Óscar López non c’è alcun dubbio.

 

Tra le piante medicinali più conosciute e utilizzate la calendula

Il suo nome scientifico è Calendula officinalis L., è anche conosciuta come calendula, calendula del crogiolo e fiore di ogni mese. È una pianta di origine mediterranea, vale a dire che proviene da Europa e Nord Africa, tuttavia, è stato in grado di adattarsi e coltivare, per molti anni, in Colombia. Ha un importante riconoscimento per le sue proprietà antinfiammatorie, analgesiche e curative“, spiega il consulente botanico.

Ecco le principali proprietà della Calendula

È importante notare che questa pianta, come molte altre, è indicata nella gestione di malattie minori, cioè non sono così complicate. Tuttavia, potrebbe essere un complemento nel trattamento di malattie più complesse, accompagnando la formulazione di farmaci di sintesi chimica, ma ciò richiede la conoscenza e l’esperienza di un professionista della salute.

1. Antinfiammatorio: poiché è una specie che può essere consumata, questo effetto può verificarsi a livello di uso topico e orale, cioè internamente ed esternamente.

2. Guarigione: aiuta a guarire le ferite sulla pelle e aiuta a curare malattie come gastrite e ulcere.

3. Applicabile a tutte le età: per uso topico può essere utilizzato a tutte le età, avendo cura di evitare l’esposizione al sole. È molto utile nella cura e protezione della pelle del bambino durante l’uso del pannolino. Il suo uso orale è raccomandato dopo cinque anni o a discrezione del medico.

4. È sicura da usare: sebbene, in generale, l’uso di Calendula sia abbastanza sicuro, si deve tener conto del fatto che, come tutti i medicinali, nelle persone sensibili può causare azioni avverse. In questo caso, si consiglia di sospenderne l’uso e consultare un medico.

5. Successo facile: la calendula è una specie vegetale di ampia distribuzione. La sua grande adattabilità gli ha permesso di riprodursi e svilupparsi molto facilmente e questo lo rende una specie che può essere raggiunta senza troppe difficoltà.