intelligenza-artificiale-spazio

L’intelligenza artificiale può aiutare a decifrare i segnali radio enigmatici provenienti dallo spazio che hanno incuriosito la comunità scientifica per anni. In breve, si tratta delle esplosioni radio veloci (Fast Radio Bursts, FRB), ovvero potenti onde radio che gli esperti ritengono abbiano origine entro un miliardo di anni luce dalla Terra. I FRB durano solo un millesimo di secondo e la loro origine è uno dei più grandi misteri dell’astronomia da quando sono stati rilevati per la prima volta nel 2007.

Ora questo indovinello potrebbe essere più vicino ad essere svelato: uno scienziato ha creato un sistema automatizzato che utilizza l’IA per rivoluzionare la capacità di rilevare e catturare questi segnali cosmici in tempo reale.

 

Di cosa si tratta

Wael Farah, studente di dottorato presso lo Swinburne Technological Institute in Australia, è responsabile della creazione, essendo la prima persona a scoprire in tempo reale lo strano FRB come sistema di apprendimento automatico completamente automatizzato.

Il professor Matthew Bailes, leader del progetto, ha affermato che il nuovo sistema “consente di sfruttare appieno l’alta risoluzione di tempo e frequenza e di esaminare le proprietà di FRB che in precedenza erano impossibili da ottenere“.

Secondo il nuovo studio, i cui risultati sono stati pubblicati nelle comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society, il sistema di Farah ha già identificato cinque esplosioni, tra cui una delle più forti mai rilevate, nonché la più grande. Farah ha addestrato la “macchina” dell’Osservatorio radio di Molonglo – vicino a Canberra – a riconoscere i segnali e innescare un’immediata acquisizione dei dettagli più precisi finora osservati.

Le esplosioni sono state presto rilevate, producendo dati di alta qualità che hanno permesso agli scienziati di Swinburne di studiare la loro struttura in modo più accurato e ottenere indizi sulla sua origine. Farah ha affermato che il suo interesse per queste onde cosmiche è legato al fatto che potrebbero essere potenzialmente utilizzate per studiare la materia che circonda le galassie. “È affascinante scoprire che un segnale che ha viaggiato a metà dell’universo, raggiungendo il nostro telescopio dopo un viaggio di qualche miliardo di anni, mostra una struttura complessa, con un picco a meno di un millisecondo di distanza”, ha concluso.