donne-mestruazioni

Ogni mese, le donne vengono attaccate da una forma estrema e grave della cosiddetta tensione premestruale che può portarle a pensare al suicidio. Un disturbo fisico che, tuttavia, continua ad essere visto come una semplice psicosi da molti professionisti della salute. Stiamo parlando del Disturbo Disforico Premestruale (PMDD), un disturbo che è stato riconosciuto ufficialmente dalla medicina solo all’inizio di questo secolo.

Questo disturbo ginecologico colpisce tra il 5% e l’8% delle donne in età fertile ed è una forma acuta della cosiddetta tensione premestruale, con sintomi simili ma più intensi come irritabilità, depressione, sentimenti suicidi, insonnia e mancanza di appetito.

 

“Streghe” nel Medioevo, “psicotiche” oggi

Tuttavia, la TPDM è ancora vista da molti operatori sanitari come psicosi o disagio legato all’ansia, quindi ci sono donne con il disturbo che sono persino ricoverate negli ospedali psichiatrici. Questo è il caso di Sarah, una donna di 23 anni che dice alla BBC di aver trascorso un anno intero dentro e fuori una clinica psichiatrica adolescenziale dopo che le era stato diagnosticato un disturbo bipolare all’età di 13 anni. Sarah afferma di aver iniziato a provare “ansia e depressione” e, con il progredire del problema, “psicosi – vedere cose e sentire cose – e mania“. Il suo caso è stato quindi diagnosticato come una malattia psichiatrica quando, in realtà, soffre di PMDD.

Poiché i sintomi sono ciclici, gli psichiatri a volte credono che si tratti di un disturbo bipolare e quindi i pazienti sono stati trattati per anni con terapie e antipsicotici come il litio“, spiega John, esperto di ginecologia Studd .

Tale è stato il caso della 35enne Rachel, un’altra donna ascoltata dalla BBC che negli anni ha assunto antidepressivi, prescritti contro l’ansia e che è stata quasi ricoverata in un ospedale psichiatrico. Lo psichiatra che l’ha seguita continua dicendo che Rachel soffre di disturbo bipolare e un medico le ha persino detto che nel Medioevo sarebbe stata probabilmente bruciata sul rogo come una strega.

Nel caso della 38enne Laura, TDPM ha avuto un impatto così negativo sulla sua vita, portandola persino a un lavoro stabile, che si sta preparando ad avere un’isterectomia, cioè rimuovendo il suo utero e ovaie, per stroncarlo sul nascere.

 

Lo studio indica un problema genetico

I trattamenti più comuni e appropriati per la PMDD comprendono gli estrogeni per “padroneggiare il ciclo [mestruale] e i sintomi ciclici“, spiega Studd.

Ma uno studio pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry all’inizio del 2017 ha potenziato un nuovo trattamento per il problema dopo aver concluso che il PMDD potrebbe essere causato dalla genetica.

Ricercatori dell’NIH del National Institutes of Health degli Stati Uniti hanno rilevato un gruppo di geni nelle donne affette da PMDD che influenzano il modo in cui gli ormoni sessuali interagiscono con altri geni.

Abbiamo trovato un’espressione deregolamentata nel complesso genetico sospetto che aggiunge la prova che il TDPM è un disturbo della risposta cellulare agli estrogeni e al progesterone“, spiega uno degli investigatori dello studio, Peter Schmidt.  “Imparare di più sul ruolo di questo complesso genetico ha la speranza di migliorare il trattamento di tali disturbi dell’umore endocrino riproduttivo prevalente“, aggiunge Schmidt.

Questo è un grande momento per la salute delle donne perché stabilisce che le donne con PMDD hanno una differenza intrinseca nel loro apparato molecolare per rispondere agli ormoni sessuali, non solo comportamenti emotivi che dovrebbero essere in grado di controllare volontariamente“, afferma a sua volta, un altro dei coautori dello studio, David Goldman.