sindrome-straniero-accento

La sindrome da accento straniero (FAS) rappresenta un disturbo del linguaggio in cui i pazienti si esprimono con un accento straniero o regionale diverso da quello che gli è proprio. Questi casi insoliti sono stati associati a danni neurologici strutturali come risultato di un ictus o di un altro infortunio, che si presume influenzi i percorsi neuronali attraverso i quali il cervello controlla la lingua e le corde vocali, producendo così lo strano accento.

 

Analizzando i casi

Tuttavia, i risultati di recenti ricerche suggeriscono che ci può essere più FAS di quanto sembri, dal momento che molti dei casi sono “funzionali”, il che significa che la causa della sindrome risponde ai processi psicologici invece di lesioni cerebrali.

La sindrome da accento straniero può essere un disturbo neurologico funzionale, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno una lesione neurologica strutturale.
Per raggiungere questa conclusione, gli autori della ricerca hanno descritto le caratteristiche di un gruppo di 49 individui con FAS auto-riferiti. Tutti i partecipanti erano di lingua inglese e gli accenti stranieri più comuni riportati erano italiani (12 casi), europei dell’Est (11), francesi (8) e tedeschi (7), nonché olandese, nigeriano e croato.

I partecipanti hanno inviato una registrazione della loro voce per la valutazione da parte degli esperti del linguaggio, nonché domande sui loro sintomi, altre condizioni di salute e situazione personale.

L’analisi di questi dati ha portato i ricercatori a classificare il 71% dei pazienti (35 su 49) con un FAS “probabilmente funzionale”, cioè di origine psicologica, mentre solo il 20% dei casi studiato (10 casi) aveva probabilmente una base neurologica, mentre gli altri 4 casi non avevano un’origine chiara.

È certamente una classificazione un po’ soggettiva, poiché non ci sono criteri rigidi per la diagnosi di FAS funzionale. Nessuno dei casi “funzionali” ha riportato evidenze solide di danno neurologico da una scintigrafia cerebrale, ma solo il 50% dei casi “neurologici” ha riportato tali prove.

 

Origine psicologica

Una delle osservazioni più rilevanti è stata che la presenza di altri sintomi “funzionali” come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) era maggiore nel gruppo di individui la cui origine di FAS è presunta psicologica.

La sindrome da accento straniero è un disturbo del linguaggio in cui i pazienti si esprimono con un accento diverso rispetto al loro solito accento. Per quanto riguarda le caratteristiche degli strani accenti, i pazienti con una presunta origine funzionale spesso avevano schemi di linguaggio che mostravano incoerenza o variabilità.

Gli adulti con paralisi cerebrale hanno un rischio maggiore di soffrire di depressione e ansia
I risultati di questo studio generano un’ipotesi importante: la FAS può essere un disturbo neurologico funzionale, indipendentemente dal fatto che ci sia o meno una lesione neurologica strutturale.