sindrome premestruale spezie
Immagine di vecstock su Freepik

La sindrome premestruale (SPM) è un’esperienza comune per molte donne, caratterizzata da una serie di sintomi fisici ed emotivi che si verificano prima del ciclo mestruale. Mentre ci sono diverse opzioni disponibili per gestire questi sintomi, l’utilizzo di spezie può offrire un approccio naturale ed efficace. Gonfiore, cambiamenti di appetito, affaticamento, irritabilità e dolori sono solo alcuni dei sintomi più comuni di questa condizione.

Sebbene non esista una cura per la sindrome premestruale, esistono cibi e bevande che possono aiutare ad alleviare il disagio. Si verifica durante i 5 giorni precedenti le mestruazioni e di solito terminano alcune ore dopo l’inizio delle mestruazioni. Circa il 20-50% delle donne in età fertile ha sindrome premestruale; circa il 5% ha una grave forma di sindrome premestruale chiamato disturbo disforico premestruale. Scopriamo insieme quali sono le 3 migliori spezie che possono aiutarci a ridurre i sintomi di questa condizione.

 

Spezie, queste 3 sono le migliori per alleviare i sintomi della sindrome premestruale

La curcuma è una spezia ricca di curcumina, un potente composto con proprietà antiinfiammatorie. Gli studi hanno dimostrato che la curcumina può contribuire a ridurre il dolore e l’infiammazione, comuni sintomi della SPM. Aggiungere la curcuma alla dieta, magari sotto forma di tè o aggiunta a piatti come curry, può fornire un sollievo naturale e gustoso durante questo periodo delicato. Contiene potenti composti antinfiammatori e antiossidanti come la curcumina, che possono aiutare ad alleviare i sintomi negativi della sindrome premestruale frenando l’infiammazione.

Lo zenzero è noto per le sue proprietà antiemetiche e antinfiammatorie. Questa spezia può essere particolarmente utile per ridurre i crampi addominali e il mal di stomaco associati alla SPM. Una tazza di tè allo zenzero può non solo riscaldare il corpo ma anche lenire i sintomi gastrointestinali. In alternativa, lo zenzero può essere aggiunto ai pasti o consumato sotto forma di integratore per ottenere i suoi benefici. Si ritiene che l’aumento dell’infiammazione contribuisca a molti degli effetti negativi della sindrome premestruale, quindi l’aggiunta di spezie antinfiammatorie come lo zenzero può aiutare.

La cannella non è solo deliziosa, ma ha anche dimostrato di avere effetti positivi sulla stabilità dell’umore e sul controllo dell’appetito. Questi sono aspetti critici durante la SPM, quando molte donne sperimentano sbalzi d’umore e voci alimentari intense. Aggiungere la cannella a cibi come yogurt, avena o frutta può essere un modo delizioso per migliorare il benessere emotivo e gestire meglio l’appetito. La cannella è una spezia che può aiutare a migliorare la sensibilità all’insulina e ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

È importante notare che ogni corpo è unico, e ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. Sperimentare con queste spezie in diverse forme e monitorare la risposta del proprio corpo può essere un modo efficace per trovare l’approccio più adatto. Ricordiamo sempre di consultare un professionista della salute prima di apportare cambiamenti significativi alla nostra dieta o al nostro stile di vita, specialmente se stiamo già seguendo un trattamento specifico. Con un approccio olistico e consapevole, è possibile affrontare la SPM in modo naturale e promuovere un benessere generale.

Immagine di vecstock su Freepik