esercizi-giapponesi

Il giapponese Kenichi Sakuma è diventato una celebrità, un guru dell’attività fisica. Grazie al suo metodo semplice ed efficace, è diventato un allenatore internazionale di “fitness”. Con i suoi consigli ed esercizi, chiunque può mantenere la propria linea senza la necessità di un intenso allenamento fisico o di diete impossibili.

Il personal trainer giapponese ci aiuta a mettere in movimento in soli quattro minuti quelle parti che hanno maggiormente bisogno della nostra attenzione: le aree ribelli. Questi esercizi sono progettati in modo che chiunque, indipendentemente dall’età o dalle condizioni fisiche, possa eseguirli e ottenere risultati in modo rapido ed efficace. La chiave è rafforzare i muscoli e bilanciarli affiché il nostro metabolismo rimanga sempre attivo, il che si traduce in un costante consumo di grasso durante il giorno, che avviene senza che noi ce ne accorgiamo.

 

Segreti giapponesi

Uno dei segreti del metodo Sakuma è quello di aumentare l’energia che il nostro corpo consuma senza fare uno sforzo extra: il modo più efficiente di consumare energia senza cambiare il tuo stile di vita. Poiché ogni persona ha a cuore aree specifiche, Kenichi ci offre una serie di esercizi elaborati per diverse parti del nostro corpo. Che si tratti di ridurre braccia, fianchi, glutei o cosce, ci vorranno solo alcuni allenamenti specifici per ottenere il corpo che vogliamo.

Da un lato, infatti, Sakuma offre una serie di esercizi con i quali possiamo ridurre le dimensioni di qualsiasi area in un istante. Se abbiamo un evento importante o se vogliamo semplicemente tornare ad indossare un vestito che non ci sta più, dovremo fare solo alcuni semplici esercizi di un minuto che ci faranno snellire la parte interessata. Questo effetto, a differenza delle serie di allenamento, è temporaneo, ma può essere molto utile in situazioni specifiche.

Da un altro lato, Sakuma ci offre esercizi per diverse parti del corpo con un effetto prolungato nel tempo. In questi casi, la procedura è sempre la stessa, indipendentemente dall’area interessata: allungare, stimolare, stabilire e riparare. Con questi semplici passaggi, di un solo minuto ciascuno, saremo in grado di correggere le cattive abitudini muscolari e ridurre il grasso e, quindi, il volume di braccia, fianchi, glutei, polpacci e gambe. Di conseguenza, la nostra postura sarà corretta e il corpo sarà stilizzato.

Il primo passo è imparare ad allungare i muscoli. Quindi, dobbiamo attivare quelli su cui vogliamo lavorare. Una volta preparati, perderemo peso nelle aree ribelli. In questo modo, non solo aiutiamo il muscolo deformato dal grasso a recuperare il suo stato naturale, ma otterremo anche flessibilità. L’ultimo passo è semplice come eseguire esercizi di memoria muscolare in modo che i muscoli non accumulino più grasso e rimangano come vogliamo durante la nostra giornata.

 

Alcuni esercizi

Per le braccia: quando le scapole sono più alte del normale, i movimenti delle spalle sono limitati e questo provoca un accumulo di grasso nella parte superiore delle braccia. Questo esercizio aiuta a ridurre la posizione delle scapole e a bruciare i grassi.

Sdraiati sulla schiena, piegate le ginocchia. Mettere un asciugamano piegato due volte sotto la vita. Mettere le mani sotto la testa e stare sdraiati sulla schiena. Allargare le gambe alla larghezza dei fianchi e piegare le ginocchia. Ruotare la vita fino a quando smette di toccare l’asciugamano. Mantenere questa posizione. Mentre respirate, ritraete i muscoli della pancia. Mantenere la posizione per 20 secondi. Espirare per i primi 10 secondi. Inspirare una volta ed espirare altri 10 secondi. Inspirare di nuovo. Ripeti tre volte.

Esercizio per le cosce: con questo esercizio, si mettono sotto sforzo i glutei. In tal modo, i muscoli della coscia riacquisteranno la loro forma naturale. Mettere un asciugamano sotto le ginocchia per evitare che i fianchi si curvino troppo, in modo da poter correggere l’inclinazione pelvica.

Posizione iniziale: mettere le mani e le ginocchia sul pavimento. Tenere l’asciugamano con l’interno di un ginocchio. Mantenere le caviglie flesse e allineare le mani con le spalle. Alzare la gamba mentre si tiene l’asciugamano. Sollevare lentamente la gamba che tiene l’asciugamano il più lontano possibile. Non alzare il mento. Abbassare lentamente la gamba. Portare il ginocchio leggermente in avanti dalla posizione di partenza. Ripetere dieci volte.