4 emisferi
Immagine di wirestock su Freepik

Questo marzo del 2024 è stato testimone di una controversia geografica che ha scosso i social media, con un tweet di Asya Zıpla su X-Twitter che ha catturato l’attenzione di appassionati di geografia di tutto il mondo. La discussione si è incentrata sulla presunta presenza di quattro emisferi terrestri, in contrasto con la concezione comune di solo due emisferi.

Il fulcro della questione è Kiribati, un arcipelago nell’Oceano Pacifico, che secondo Asya Zıpla è l’unico Paese a estendersi su tutti e quattro gli emisferi della Terra. Tuttavia, approfondendo la questione, emergono altri contendenti a questa particolare caratteristica geografica.

La Terra può essere suddivisa in emisfero settentrionale e meridionale tramite l’Equatore, e in emisfero orientale e occidentale attraverso il meridiano 180º. Kiribati, con alcune delle sue isole a sud dell’Equatore e altre a nord, e alcune a est del meridiano 180º e altre a ovest, si posiziona effettivamente nei quattro emisferi.

Ma la sorpresa è che Kiribati non è l’unico Paese a vantare questa caratteristica geografica unica. Francia e Regno Unito, grazie ai loro territori d’oltremare, condividono l’onore di attraversare tutti e quattro gli emisferi.

Un tuffo nella storia rivela che anche il Portogallo, durante il suo impero coloniale, occupava territori nei quattro quadranti della Terra. Dall’Angola al Mozambico, dal Brasile all’India, il Portogallo dimostra che la sua presenza si estendeva su tutti gli emisferi.

In sintesi, il dibattito su Kiribati ha portato alla luce una realtà geografica affascinante: diversi Paesi si estendono su tutti e quattro gli emisferi, mostrando come la geografia del nostro pianeta possa essere ancora più intricata di quanto si possa immaginare.