pregiudizi-razziali
Image by StockSnap from Pixabay

Nella società di oggi, molte persone sono giudicate male per le loro caratteristiche fisiche, in particolare (purtroppo) anche per il colore della pelle. Infatti, gli individui con la carnagione scura o di colore sono spesso considerati minacciosi e giudicati ancora più severamente a livello giudiziario rispetto ai loro coetanei dalla pelle più chiara. In tal senso, una nuova ricerca mostra come le caratteristiche specifiche del nostro viso potrebbero innescare pregiudizi razziali.

In un articolo pubblicato su Cognitive Research: Principles and Implications, gli autori indicano che i volti considerati stereotipicamente neri hanno maggiori probabilità di essere classificati come dominanti.

 

Le persone dalla pelle scura con il naso largo sembrano una minaccia

Come parte dell’esperimento, più di 300 partecipanti hanno dovuto visualizzare 27 modelli di volti artificiali e, quindi, esprimere giudizi su di essi. Dopo l’esperimento, il team di ricerca ha scoperto che i volti con caratteristiche associate al nero stereotipato sono stati classificati come dominanti e minacciosi. Come spiegato nell’articolo dello studio, i risultati hanno mostrato che lo stereotipo era correlato a un naso largo, una riflettanza più scura e, in misura minore, labbra carnose. Mentre la minaccia era associata a un naso largo, labbra sottili e bassa riflettanza, il carattere di dominanza era principalmente correlato alla larghezza del naso.

 

Un appello alla coscienza

Lo studio suggerisce che molte persone si affrettano a esprimere giudizi senza nemmeno conoscere il background di una situazione o conoscere una certa persona, si lasciano trasportare dal loro aspetto. Ciò può portare a pregiudizi di tipo facciale e fungere da veicolo per innescare aspettative errate.

Sapere che alcune persone di colore sono considerate dominanti e potenzialmente minacciose in base al loro trucco facciale dovrebbe incoraggiare i cittadini, le forze dell’ordine e il sistema legale più ampio a fermarsi prima di esprimere giudizi che potrebbero avere un impatto a lungo termine“, sottolineano i ricercatori.

Quindi, caratteristiche specifiche del nostro viso – come forma del naso, riflettanza della pelle e spessore delle labbra – possono innescare pregiudizi razziali.