mancini
Immagine di freepik

Uno studio recente pubblicato su Nature Communications ha gettato nuova luce sul mistero delle preferenze manuali, suggerendo che la propensione a essere mancini potrebbe essere influenzata da varianti rare di un gene coinvolto nella formazione delle cellule. Questa scoperta, contrariamente alle precedenti convinzioni sull’ereditarietà dei tratti mancini, indica che il gene TUBB4B potrebbe avere un ruolo significativo nella determinazione della manualità.

L’indagine, condotta su un vasto campione di oltre 38.000 individui mancini e 313.000 destrimani, ha rivelato che il gene TUBB4B presenta una probabilità 2,7 volte maggiore di contenere varianti codificanti rare nei mancini. Tuttavia, l’ereditarietà dell’essere mancino a causa di queste varianti rare è risultata bassa, suggerendo che altri fattori oltre alla genetica potrebbero contribuire alle preferenze manuali.

Il gene TUBB4B è coinvolto nella codifica dei microtubuli, strutture vitali per il citoscheletro delle cellule. Questa scoperta apre nuove prospettive sulla comprensione delle basi genetiche delle preferenze manuali e solleva domande sulla complessa interazione tra genetica e ambiente nello sviluppo di tratti come la manualità.

Inoltre, lo studio mette in discussione convinzioni precedenti sulla relazione tra manualità e abilità cognitive, indicando che non vi è alcuna differenza significativa nella capacità di navigazione spaziale tra mancini e destrimani. Questo suggerisce che le preferenze manuali potrebbero essere più influenzate da fattori genetici rispetto alle capacità cognitive, aprendo nuove direzioni per la ricerca nel campo della genetica comportamentale.