trauma-ricordi
Immagine di Freepik

Un nuovo studio condotto dal Beckman Institute for Advanced Science and Technology mette in luce un aspetto peculiare della memoria umana: la capacità di ricordare gli eventi è più acuta dopo aver vissuto emozioni negative. I ricercatori hanno eseguito esperimenti in cui i partecipanti guardavano immagini che evocavano risposte emotive negative e neutre. Hanno scoperto che i ricordi successivi alle esperienze negative erano evocati in modo più accurato rispetto a quelli precedenti.

Questo risultato potrebbe avere rilevanza nell’ambito delle testimonianze oculari, del trattamento del disturbo da stress post-traumatico e nella gestione del declino della memoria in malattie come l’Alzheimer.

 

Aspetti Principali

– Gli eventi negativi migliorano la precisione dei ricordi degli eventi neutri successivi, ma non di quelli precedenti.

– Questo modello di memoria ha implicazioni per le testimonianze oculari, suggerendo un ricordo più nitido degli eventi dopo un incidente traumatico.

– I risultati potrebbero contribuire allo sviluppo di terapie cognitive per il disturbo da stress post-traumatico e per contrastare il declino della memoria nella malattia di Alzheimer.

Contesto e Ricerca

Lo studio, pubblicato sulla rivista Cognition and Emotion, è stato condotto dal Dolcos Lab presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign. Paul Bogdan, autore principale, ha sottolineato che questa scoperta apre una nuova dimensione nella comprensione degli impatti delle emozioni sulla memoria.

Gli esperimenti si sono basati su immagini simulate per evocare risposte emotive nei partecipanti. Metà delle immagini ha suscitato emozioni negative, mentre l’altra metà era emotivamente neutra. Dopo un’ora, i partecipanti hanno visualizzato coppie di immagini della serie e sono stati chiesti di posizionare correttamente la seconda immagine nella sequenza temporale rispetto alla prima.

I risultati coerenti degli esperimenti indicano che la capacità dei partecipanti di posizionare con precisione la seconda immagine è migliorata quando i ricordi negativi si sono verificati prima di quelli neutri sulla sequenza temporale. Questo suggerisce un flusso di memoria dal negativo al neutro.

 

Implicazioni e Prospettive Future

L’identificazione di questo modello di memoria ha implicazioni significative per le testimonianze oculari e suggerisce che dopo un evento traumatico, i dettagli degli eventi successivi sono più nitidi rispetto a quelli precedenti.

Questi risultati potrebbero essere utilizzati per sviluppare terapie cognitive mirate al trattamento del disturbo da stress post-traumatico, focalizzandosi sul ricollegare i ricordi traumatici al loro contesto originale.

Inoltre, il miglioramento della comprensione di come le emozioni influenzino la memoria potrebbe contribuire allo sviluppo di strategie per combattere il declino della memoria in condizioni come l’Alzheimer, aprendo la strada a terapie che utilizzano emozioni positive per rafforzare i ricordi.