barba
Image by Sammy-Sander from Pixabay

I cosiddetti androgeni sono il gruppo di ormoni responsabili dello sviluppo delle caratteristiche maschili e il motivo principale per cui gli uomini hanno i peli sul viso e le donne no. I follicoli piliferi non sono così semplici. In alcune persone, gli androgeni stimolano la crescita dei peli. In altri casi, lo riducono, come nella calvizie maschile. Ci sono anche situazioni in cui i peli crescono nelle orecchie. Gli androgeni fanno crescere i capelli e, nel tempo, innescano la crescita dei peli sul viso: la barba.

La realtà è che a questo punto è ancora abbastanza difficile per i ricercatori dire la differenza“, spiega Ben Miranda, chirurgo plastico presso il St. Andrew, “ma ci sono differenze nei follicoli piliferi stessi che vengono mantenuti a seconda della parte del corpo da cui provengono“.

Prima della pubertà, i follicoli piliferi del corpo producono peli, i capelli corti, leggeri e fini che è possibile vedere sul dorso della mano di una donna. Durante la pubertà, sia gli uomini che le donne producono più androgeni, vale a dire testosterone e diidrotestosterone. Tuttavia, il corpo maschile produce molti più androgeni. Questi stimolano i follicoli piliferi a produrre capelli più spessi e scuri e la “peluria di pesca” che, di solito, appare per la prima volta sul labbro superiore.

Nel tempo, la simulazione degli androgeni incoraggia la produzione di “capelli terminali” ancora più scuri e spessi dello stesso tipo visto sul cuoio capelluto. Gli androgeni lo fanno aumentando il tempo che un determinato follicolo pilifero trascorre nella sua fase di crescita rispetto alle sue fasi di caduta o riposo.

Anche i peli sul corpo femminile cambiano durante la pubertà, ma non così drammaticamente come negli uomini. I follicoli piliferi sul viso di una donna vicino all’orecchio cambiano da pergamena a media lunghezza e le ascelle e i peli pubici cambiano in peli terminali.

La terapia ormonale maschile , a volte utilizzata da individui transgender, ha un effetto simile sui peli del corpo. Alcuni anni dopo l’inizio della terapia con testosterone, i peli sul corpo e sul viso si scuriscono e si ispessiscono. Tuttavia, non è così semplice come sembra. In alcuni follicoli del cuoio capelluto, gli androgeni incoraggiano esattamente lo schema opposto a quello dei peli del corpo.

Invece di innescare una transizione dai capelli vellus, ai capelli intermedi e ai capelli terminali, gli androgeni attivano i capelli terminali opposti per diventare capelli intermedi e quindi provocano una transizione dai capelli intermedi ai capelli vellum. Si chiama alopecia androgena, meglio conosciuta come calvizie maschile. Non tutti gli uomini sono geneticamente suscettibili, ma in quelli che lo sono, il risultato è una diminuzione della parte anteriore del cuoio capelluto che aumenta gradualmente con l’età.

Le differenze sono specifiche della posizione nel corpo in cui si sviluppa il follicolo pilifero. Se un follicolo non sensibile agli androgeni viene trapiantato in un punto calvo del cuoio capelluto, i capelli ricresceranno. Ecco perché la chirurgia del trapianto di capelli funziona.

Ma le ragioni di queste differenze sono difficili da capire, dice Miranda. I geni in ciascun follicolo sono gli stessi, ma il controllo dell’attività genica – la cosiddetta epigenetica – è chiaramente diverso.

Esistono differenze complesse nella segnalazione cellulare o nella cascata di istruzioni molecolari che fanno crescere, riposare o perdere un follicolo. Alcuni geni diventano più o meno attivi durante la calvizie , ma la ricerca non ha sempre trovato coerenza in questi modelli genetici. “Sono differenze epigenetiche, regolazione e deregolazione delle vie di segnalazione, esposizione esogena a diversi ambienti, ormoni che circolano all’interno del corpo in questi tempi“, spiega Miranda.

 

Nuove frontiere

Il chirurgo e il suo team stanno lavorando allo sviluppo di follicoli piliferi intermedi sensibili agli ormoni che possono essere mantenuti in vita in laboratorio per sondare questi fattori. Questa ricerca potrebbe essere utilizzata per aiutare a prevenire non solo il modello comune di calvizie maschile, ma anche per trattare alcune forme di alopecia o la perdita sia del cuoio capelluto che dei peli del corpo, e l’irsutismo, una condizione in cui le donne crescono insolitamente spesse sul viso e peli del corpo.

I follicoli piliferi hanno anche la loro sensibilità agli androgeni in comune con le cellule della prostata. Sotto l’influenza degli androgeni, la prostata può ingrandirsi o diventare cancerosa, una condizione estremamente comune per gli uomini più anziani.

Studiare come gli androgeni influenzano i processi cellulari nei follicoli piliferi potrebbe aiutare a rivelare come gli stessi ormoni causino problemi alla prostata in età avanzata.