granchi
Foto di rompalli harish da Pexels

I granchi continuano ad apparire in natura e a loro volta continuano ad evolversi. Questo processo, chiamato carcinizzazione, è già conosciuto da oltre 140 anni. Grazie a ciò i granchi si sono evoluti almeno cinque volte da gruppi diversi di crostacei. Questi gruppi in passato avevano un antenato comune, ma più di 300 anni fa. Ciò afferma che c’è stato molto tempo per l’evoluzione, ma al giorno d’oggi questo processo non si è fermato.

La carcinizzazione può essere definita come il processo evolutivo che porta alla forma simile al granchio. Ovviamente non tutte le specie si evolvono e diventano simili ad un granchio. Alcune specie semplicemente sono simili al granchio e ne adottano alcune caratteristiche. Le specie che utilizzano questo processo possono essere divise in due gruppi: Brachyura, che sono veri granchi, e Anomura, o falsi granchi.

 

Perché i granchi continuano ad evolversi?

Tuttavia è giusto porsi un ulteriore quesito: Cosa rende la forma del granchio cosi forte ed efficace che tutte le specie vogliono emularla? Uno studio recente ha indagato su tutto questo. I ricercatori hanno scoperto che almeno cinque gruppi di crostacei decapodi avevano una forma simile al granchio. Questi includono la maggior parte degli eubrachurani, il gruppo che comprende la maggior parte dei granchi di terra, oltre a granchi spugna, granchi porcellana, granchi reali e il granchio di pietra peloso.

Il processo di carcinizzazione comporta l’adozione di varie caratteristiche simili a quelle del granchio, come un carapace appiattito, spesso rotondo e un pleon piegato sotto il corpo. Tuttavia perché ciò avviene non è ancora chiaro per gli esperti; il pleon che viene piegato sotto il corpo è un bersaglio più piccolo per i predatori o forse perché hanno un posto più sicuro dove nascondersi. Tuttavia non ci sono ancora prove sperimentali dirette che confrontino le forme cancerose e non cancerose su come possono comportarsi in alcune di queste strategie.

Da tutto questo si può presumere che i granchi rappresentino l’ultima forma evolutiva, ma per gli esperti non è cosi. A prescindere dai numerosi vantaggi questo processo non è adatto per tutti i tipi di habitat, poiché alcuni gruppi, come per esempio i granchi rana, hanno perso la cancerizzazione. L’obiettivo dello studio è quello di capire se è possibile prevedere le forme evolutive simili al granchio.

Foto di rompalli harish da Pexels