tè-amazzonia

L’ayahuasca è stata utilizzata per migliaia di anni nei rituali delle tribù nella regione amazzonica. Un nuovo studio suggerisce che uno dei suoi componenti può aiutare nella formazione dei neuroni.

L’ayahuasca è una miscela di droghe psichedeliche consumata da secoli dalle tribù dell’Amazzonia. Uno dei suoi ingredienti è il potente farmaco dimetiltriptamina (DMT). Il tè è realizzato con due piante autoctone della foresta: la vite Banisteriopsis caapi con le foglie dell’arbusto Psychotria viridis.

Altri studi hanno già evidenziato alcuni vantaggi del consumo di questo tè, vale a dire ridurre il rischio di suicidio per le persone con depressione “incurabile” e aiutare a combattere l’alcolismo.

 

Il nuovo studio

Ora, secondo un nuovo studio dell’Universidad Complutense de Madrid, il DMT promuove la neurogenesi, il processo di formazione di nuovi neuroni. I risultati dello studio sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica Translational Psychiatry.

Infatti, non solo la DMT presente nel tè promuove la formazione di nuovi neuroni, ma induce anche la formazione di altre cellule neurali, come astrociti e oligodendrociti. “Questa capacità di modulare la plasticità cerebrale suggerisce che [DMT] ha un grande potenziale terapeutico per una vasta gamma di disturbi psichiatrici e neurologici, comprese le malattie neurodegenerative“, ha spiegato l’autore dello studio, José Ángel Morales. “Lo studio riporta i risultati di quattro anni di sperimentazione in vitro e in vivo nei ratti, dimostrando che hanno una maggiore capacità cognitiva quando trattati con questa sostanza“, ha detto il coautore José Antonio López.

In malattie come l’Alzheimer e il Parkinson, è la morte di alcuni tipi di neuroni che causa i sintomi. Poiché il cervello umano non ha sempre la capacità di generare nuove cellule neurali, “la sfida è attivare la nostra capacità latente di formare neuroni e, quindi, sostituire quelli che muoiono“, ha aggiunto Morales.

Secondo il ricercatore, questo studio mostra che la DMT è in grado di attivare le cellule cestaminiche neurali e formare nuovi neuroni. L’ayahuasca è stata utilizzata per migliaia di anni nei rituali delle tribù nella regione amazzonica e nel secolo scorso ha iniziato ad essere utilizzata da diversi gruppi religiosi.

Photo by Paul-Vincent Roll on Unsplash