cibi-pelle

Quando la temperatura inizia a diminuire – sebbene andiamo incontro alla stagione estiva molto lentamente – è normale “attaccare” il frigorifero e trangugiare qualsiasi tipo di cibo. Dopotutto, a chi non piace mangiare Nutella o pop corn mentre si guarda un film quando fuori fa freddo e cade la pioggia?

Le persone si sentono più affamate e bramano cibi con più calorie in inverno, perché il nostro metabolismo diventa naturalmente più veloce cercando di regolare la temperatura corporea. Il problema è che molti di questi cibi che mangiamo di più in inverno possono accelerare il processo di invecchiamento della pelle“, spiega il dermatologo Valeria Marcondes, membro dell’American Academy of Dermatology.

 

Quali sono, dunque, questi cibi “nemici? 

Dolci – Nonostante siano importanti per dare energia al corpo, carboidrati (o zucchero) in eccesso possono interagire con le proteine ​​e grassi per provocare un’alterazione delle strutture e delle funzioni del collagene e della elastina, causando disturbi della pelle, con comparsa di rughe, cedimenti e imperfezioni. E il problema è che i dolci sono troppo ricchi di zucchero. Troppo glucosio può causare la deregolamentazione dei geni pro longevità. 

Pasti rapidi a microonde – Per coloro che sono pigri a cucinare cibi veloci e/o ultra-elaborati che vengono poi riscaldati nel microonde, si sappia che questo può rappresentare un rischio. Oltre a vari additivi chimici, in questi prodotti c’è un’alta concentrazione di sodio e carboidrati. Con un’elevata assunzione di sale, il corpo si mantiene più fluido e la pelle ne soffre, diventando disidratata e spesso con segni di gonfiore e stanchezza. L’eccesso di sale altera anche la circolazione sanguigna, che ha un’influenza diretta sulla nutrizione della pelle.

Carne rossa – Un buon stufato di carne può lasciarci sazi per ore, ma la giunzione di carne rossa con patate, salse e sale in eccesso può essere devastante per il nostro corpo, eventualmente limitando l’azione antiossidante. La carne rossa, ricca di grassi saturi, solleva il colesterolo cattivo e può inibire l’attività di SIRT1 (una proteina che stimola la longevità delle cellule), con conseguente riduzione della durata di conservazione delle cellule. Questo è direttamente correlato al processo di invecchiamento.

Frittura – Se nel menu invernale sono presenti patatine, torte calde e altri tipi di cibi fritti, sappiate che l’olio utilizzato a temperature elevate diventa grasso saturo, diminuisce la vita delle cellule e aggiunge troppo sale al cibo.

Formaggio “verde” – Un alto contenuto di grassi nei piatti al formaggio, cagliata, Emmenthal, brie, cheddar, mozzarella, parmigiano, ecc., essendo derivati ​​dal latte, possono aumentare l’espressione dell’ormone IGF-1, legato alla produzione esacerbata di sebo e acne. “Se non trattata correttamente, l’acne può lasciare macchie e cicatrici che lasciano la pelle dall’aspetto vecchio”, spiegano gli esperti.