Se c’è qualcosa che spesso ricorre tra gli utenti di Internet, è un’opinione polarizzata. In questo senso, prima di ogni discussione, sembrano esserci solo due opzioni possibili: lo ami o lo odi. Esempi di questo scontro/incontro ne abbiamo molti: il Comic Sans, i gatti, i film, artisti, e molto altro.

E che dire della pizza? Oggi, vi raccontiamo la storia di uno dei tipi di pizza che la maggior parte delle persone divide: la pizza hawaiana. Mentre non è raro trovare amanti della pizza, la pizza all’ananas è il tipo di pizza che risveglia le passioni più intense tra i commensali che la odiano e coloro che la amano. Vediamo la sua origine.

 

Questa è la storia della pizza hawaiana

Sam Panopoulos è il padre della pizza hawaiana. Come tutti sappiamo, la pizza hawaiana è una pizza composta da una base di formaggio fuso e pomodoro che viene condita con ananas e prosciutto. Tuttavia, non è raro trovare varianti di questa pizza, in cui si aggiungono pancetta, funghi, cipolle e persino ciliegie. Nonostante il suo nome, come vedremo in seguito, la pizza all’ananas non ha origine hawaiana.

Come fatto curioso, l’origine del nome della pizza hawaiana non ha nulla a che fare con la famosa isola dell’Oceano Pacifico. In realtà, si chiama pizza hawaiana in riferimento alla marca di ananas in scatola originariamente utilizzata per creare questo tipo di pizza.

Un primo antecedente di questo tipo di pizza, lo possiamo trovare in un piatto curioso, abbastanza simile, ideato da un cuoco televisivo tedesco, di nome Clemens Wilmenrod. Per il 1950, Wilmenrod, creò un piatto costituito da una fetta di pane bagnato nel ketchup e accompagnato da pezzi di ananas, oltre al prosciutto. Questo piatto si chiamava Hawaii-Toast. Tuttavia, questa non è la vera storia dell’origine della pizza hawaiana.

In realtà, la pizza hawaiana è stata inventata circa 57 anni fa, per mano di un uomo di nome Sam Panopoulos. Quel giorno magico, più di cinquanta anni fa, Panopoulos prese una decisione che avrebbe rivoluzionato il mondo della pizza per sempre: prese una lattina di ananas e gettò i pezzi di questo frutto su una pizza. Ma torniamo indietro nella storia.

 

È così che l’ananas è arrivato sulla pizza

La storia della pizza all’ananas iniziò molto prima del 1962, quando Panopoulos decise di emigrare dalla sua natia Grecia in Canada nel 1954. Nel bel mezzo del suo viaggio, lo chef provò il suo primo morso di pizza. Niente di più e niente di meno che nella città natale della pizza: Napoli.

Più tardi, quando Panopoulos arrivò in Canada, aprì un ristorante a Chatham, una città canadese situata vicino a Detroit, nel Michigan. Questo ristorante, chiamato Satélite, offriva all’inizio menu classici, vendendo hamburger, pancake e altro.

Il ristorante era dedicato a tutto tranne la pizza, dal momento che era considerato un cibo esotico in Canada, nonostante la sua grande popolarità a Detroit. Così, il ristorante satellite, di proprietà di Panopoulos, trascorreva le sue giornate offrendo cibo classico, fino a quando il proprietario decise di diventare creativo.

In questo modo, ha iniziato ad aggiungere specialità al menu, come il cibo cinese e la pizza. Per quel tempo, con il ritorno delle truppe del Sud Pacifico, dopo aver vissuto la Seconda Guerra Mondiale, i soldati portarono influenze gastronomiche dalla Cina agli Stati Uniti, che rappresentarono una grande fonte d’ispirazione per Panopoulos.

L’obiettivo del cuoco era quello di creare il perfetto mix tra sapori dolci e salati, che ha portato all’inclusione di ananas in una pizza.

Pizza-hawaiana

 

Amore e odio per la pizza hawaiana

Mentre la pizza hawaiana è apprezzata da molte persone oggi, all’inizio, questo tipo di pizza non ha avuto la migliore accettazione. Tuttavia, questo sfavore non durò a lungo, perché col tempo, i canadesi finirono per impazzire per la pizza hawaiana.

Il segreto era, appunto, nel misto tra il salato e il dolce che, per il momento, sembrava un mix pazzo, perché le persone erano abituate a piatti più semplici.

In seguito, Panapoulos ha ulteriormente migliorato la ricetta aggiungendo prosciutto al mix. Così, a poco a poco, questo tipo di pizza ha iniziato a conquistare sempre più fan, conquistando il Canada, gli Stati Uniti e la maggior parte dei paesi del pianeta.

Con il consolidarsi delle franchigie della pizza verso la fine del XX secolo, la pizza hawaiana è diventata popolare per diventare un elemento essenziale del menu di qualsiasi ristorante che serve le pizze. Tuttavia, oltre ai fan, la pizza hawaiana ha anche vinto una quantità non trascurabile di detrattori.

 

Perché l’odio per la pizza hawaiana?

Il detrattore della pizza hawaiana più rappresentativo è Gudni Thorlacius Johannesson, presidente dell’Islanda. Nonostante la grande popolarità che la pizza hawaiana ha guadagnato nel corso degli anni, ci sono molte persone che provano un grande disprezzo per questo piatto. Infatti, Thrillist, un famoso sito web che raggruppa media online su cibo, bevande, viaggi e intrattenimento, classifica la pizza all’ananas come il peggior tipo di pizza che potrebbe esistere.

Inoltre, ci sono milioni di meme contro la pizza hawaiana che possiamo trovare ovunque su internet. Forse, il detrattore più feroce contro questo tipo di pizza è Gudni Thorlacius Johannesson. A questo proposito, nel 2017, Johannesson ha detto, scherzosamente, che la pizza all’ananas dovrebbe essere vietata e illegale, diventando il volto di tutti coloro che odiano con passione la pizza hawaiana.

La maggior parte degli argomenti alla base di questo odio ruotano attorno al sacrilegio di aggiungere un frutto tropicale come l’ananas ad un piatto tipicamente italiano come la pizza. In questo senso, si sostiene che l’aggiunta di ananas alla pizza sia un sacrilegio verso l’origine italiana del piatto.

Oltre a tutto ciò, non c’è dubbio che la pizza hawaiana è qui per rimanere. Pertanto, che ci piaccia o meno, è ormai un incredibile piatto di origini greco-canadesi, ispirato alla cucina cinese-americana, italiana e oceanica.