alberi
Image by jplenio from Pixabay

La domanda nel titolo è un indovinello popolare nella storia della filosofia, apparso sulle pagine di varie pubblicazioni da quando George Berkeley lo pose nel 18° secolo. Berkeley sviluppò una teoria, che chiamò “immaterialismo”. Questa teoria nega l’esistenza di una sostanza materiale, sostenendo che gli oggetti familiari sono solo idee nella coscienza di chi percepisce e non possono esistere senza essere percepiti.

 

“Essere significa essere percepiti”, secondo Berkeley

La domanda, tuttavia, sembra superare la somma di tutte le risposte possibili per le sue qualità estetiche. La risposta di Berkeley, che ha un significato nel 18° secolo, oggi si riferisce non solo al mondo delle idee ma anche al mondo delle tecno-immagini. Sembra che il panorama moderno delle tecno-immagini segua pienamente la logica di Berkeley. Poche cose al mondo sfuggono alla lente delle macchine della visione, che stanno diventando sempre più potenti, sempre più invisibili e sempre più instancabili nell’ossessione di registrare tutto ciò che è visibile nel mondo. Tuttavia, le immagini derivate sono una prova di ciò che è stato filmato? D’altra parte, non sono piuttosto proiezioni del mondo corrispondenti ai principi dei programmi tecno-scientifici integrati nel dispositivo?

Negli anni ’80, Vilém Flusser osservava a proposito delle immagini tecnologiche: “Nulla può resistere all’attrazione centripeta delle immagini tecniche: nessun atto artistico, scientifico o politico che non miri a un’immagine tecnica, nessuna azione comune quotidiana che non voglia essere fotografato o filmato o filmato. Tutto desidera fluire in questa memoria eterna, e diventarvi eternamente riproducibile”.

La caduta di un albero nella foresta è ovviamente solo un esempio. Gli alberi cadono sugli schermi nelle case delle città. Tuttavia, il motivo della caduta è lo stesso? Entropia e invecchiamento, o variazione della tensione nel chip di silicio? Lo stesso albero cade su tutti gli schermi? In alternativa, vengono tagliati alberi diversi secondo lo stesso algoritmo?