origini-guerre
Photo by Антон Дмитриев on Unsplash

Nel corso della storia umana, gli uomini hanno dimostrato di non aver bisogno di molti argomenti per iniziare una guerra. Se facciamo dei passi indietro nella memoria, la storia ci insegna che ci sono state guerre iniziate per curiosi motivi che rasentano l’assurdo. In molte culture le guerre erano e sono tuttora glorificate. Ma ciò non significa che siano l’unica soluzione possibile nel caso in cui si verifichi un piccolo conflitto.

 

La guerra dei cubi, una delle guerre con le cause più curiose

La guerra dei cubi potrebbe essere quella che ha avuto origine per un motivo altrimenti assurdo. Il conflitto ebbe come protagonista un secchio d’acqua e si svolse nel 1325 nel quadro di un’infinita rivalità tra Modena e Bologna. Queste due aree hanno una storia di rivalità che supera i 300 anni di storia. Ognuna di esse era sostenuta da due poteri distinti. Modena ebbe l’appoggio del Sacro Romano Impero, mentre Bologna fu sostenuta dallo stesso Papa. In questo contesto di ostilità, alcuni soldati modenesi ebbero la brillante idea di rubare un secchio che era stato ritrovato in un pozzo nel centro della città di Bologna. Dopo aver insistito per la restituzione e aver ricevuto un rifiuto, le autorità bolognesi dichiararono guerra a Modena.

Bologna riuscì a radunare 30mila uomini contro i 7mila che aveva radunato Modena. Poi venne la battaglia di Zappolino. Nonostante fosse un esercito così povero di risorse umane, i Modenesi prevalsero sui Bolognesi in una battaglia che costò la vita a 2.000 persone. Tutto questo garantì a Modena non solo la vittoria, ma anche il cubo.

 

Gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono quasi scontrati per un maiale

Correva l’anno 1859 e gli Stati Uniti stavano emergendo come una fiorente nazione indipendente. In questo contesto, i problemi con il Regno Unito non erano ancora chiari. Per questo si giunse di fatto ad una guerra assurda per la morte di un maiale.

Questo piccolo conflitto si è verificato su una delle isole al largo di Vancouver. Quei territori erano contesi dai due Paesi. Una società britannica aprì un allevamento di pecore. Un gruppo di coloni americani decise di stabilirsi nello stesso luogo. Poi successe qualcosa di inaspettato che ebbe come protagonista un maiale. Uno dei coloni scoprì l’animale a mettere a soqquadro la sua fattoria, in cerca di patate. Il colono si arrabbiò così tanto che non ebbe più scrupoli e decise di porre fine alla vita del povero animale.

Il fatto scatenò l’ira del proprietario del maiale. Sebbene si cercò di raggiungere un accordo, fu impossibile farlo. Il proprietario del maiale, che tra l’altro era irlandese, chiese l’aiuto dell’esercito britannico. L’evento intensificò il 10 agosto, quando 461 soldati statunitensi si barricarono sull’isola con 14 cannoni. La reazione del Regno Unito previde cinque navi da guerra con 2.000 soldati a bordo. Le navi avevano l’ordine del governatore britannico di invadere l’isola. Tuttavia, lo scontro cessò quando iniziarono i negoziati tra Washington e Londra per evitare un grande conflitto.

 

Le più grandi guerre del mondo moderno

Sebbene nulla giustifichi una guerra, i libri di storia ne ne consegnano alcune le cui motivazioni trascendono le barriere culturali, politiche ed economiche. Tra queste, le guerre che non sono nate per curiosi motivi, ma che sono ancora le più importanti della nostra storia.

Le due guerre mondiali hanno segnato lo svolgersi del mondo moderno. La Prima Guerra Mondiale ebbe luogo tra gli anni 1914 e 1918 e costò la vita a circa 10 milioni di persone. La Seconda Guerra Mondiale è il più grande conflitto armato della nostra storia moderna. Fu realizzata tra il 1939 e il 1945 con la partecipazione di settanta Paesi. Si dice che siano morte circa 60 milioni di persone, per lo più civili.

La cosiddetta Guerra Fredda si sviluppò dalla fine della Seconda Guerra Mondiale nel 1945 fino alla fine dell’URSS e alla caduta del muro di Berlino nel 1991. Alcuni storici la considerano la terza guerra mondiale, poiché coinvolse le politiche, economiche e, ideologiche, tecnologiche, informative e militari.

Infine, la guerra del Vietnam, che ebbe luogo tra il 1964 e il 1975. Questo conflitto contrapponeva la Repubblica del Vietnam, che aveva l’appoggio degli Stati Uniti, alla Repubblica Democratica del Vietnam, che riceveva l’appoggio comunista.

 

Conflitto tra Russia e Ucraina

Stiamo assistendo a una nuova guerra tra Russia e Ucraina dopo la decisione di Vladimir Putin di attaccare la regione del Donbas. Il presidente russo ritiene che il confronto tra i due Paesi sia inevitabile come risultato “dell’espansione della Nato e dello sviluppo militare del territorio dell’Ucraina da parte dell’Alleanza“. Putin considera queste azioni inaccettabili per il suo Paese.

Il conflitto – sebbene congelato e latente – è iniziato nel 2013 e coinvolge molti interessi, ma principalmente politici ed economici. Molte nazioni hanno ripudiato la decisione del presidente russo di mettere in tensione il mondo intero sulla possibilità di una nuova guerra mondiale. In questo contesto, molti ucraini hanno dovuto lasciare le loro case per cercare rifugio nei paesi vicini. Il mondo ripudia questi attacchi e spera che il conflitto venga risolto diplomaticamente. Quanto prima.