neonato-alaska
Photo by Carrie Yang on Unsplash

Questa è la storia di un neonato trovato avvolto in alcune coperte all’interno di una scatola di cartone. E’ accaduto a Fairbanks (Alaska), alla vigilia di Capodanno, quando le temperature poco clementi segnavano -12 sui termometri locali. Al bambino è stato lasciato un messaggio straziante dalla madre, nel quale era scritto che i genitori e i nonni del bambino non potevano permettersi di dargli da mangiare.

Il bimbo, a detta di chi ne aveva sentito i lamenti, è stato trovato vicino ad una fila di cassette delle lettere. Il messaggio recita più o meno così:

“Sono nato oggi il 31 dicembre 2021 (alle) 6 del mattino, sono nato prematuro di 12 settimane. Mia madre mi ha avuto a 28 settimane. I miei genitori e i miei nonni non hanno cibo o soldi per crescermi. Non hanno MAI voluto farmi questo. Mia madre è così triste per quello che sta facendo. Per favore, prendimi e trovami una FAMIGLIA CHE MI AMI. I miei genitori elemosinano aiuto a chiunque mi trovi. Mi chiamo Teshawn.”

neonato

Le autorità locali hanno dichiarato di stare indagando sulle “circostanze che circondano l’abbandono del bambino” e “al momento non sono state presentate accuse penali“.

La legge sul rifugio sicuro dell’Alaska consente ai genitori di consegnare legalmente un bambino a determinate condizioni, come lasciare il bambino in custodia a qualcuno come un agente di pace, un medico, un impiegato ospedaliero o un vigile del fuoco, o con qualcuno che ritengono possa fornire cure adeguate. La legge si applica ai bambini di età inferiore a 21 giorni.

Una storia di povertà e una vita che ha già chiesto molto al piccolo lottatore contro il freddo. Il 2022 può solo fare di meglio.