malattie dinosauri
Foto di Michael Watts da Pixabay

Alcuni dinosauri hanno avuto diverse malattie molto note a noi esseri umani, come parassiti o gotta a causa della loro dieta ricca di carne. Altri soffrivano di tumori cancerosi e cosi via. Rilevando queste condizioni mediche nei fossili, i paleopatologi, stanno acquisendo intuizioni allettanti sul comportamento e sull’evoluzione dei dinosauri.

Finora la diagnosi di malattie antiche di milioni di anni fa da ossa fossilizzate è davvero incostante. I fossili rivelano solo in parte le creature del passato e spesso è molto difficile determinare se le deformazioni nella struttura ossea di un dinosauro siano state causate da malattie o dallo schiacciamento dei sedimenti nel tempo.

 

I dinosauri hanno sofferto della maggior parte delle nostre malattie

Attraverso alcuni strumenti speciali, come la tomografia, i paleontologi possono scrutare attraverso la roccia per vedere cosa accade all’interno delle ossa fossilizzate. Lo studio delle paleopatologie è più che identificare semplicemente una malattia, sta aprendo una finestra per conoscere le interazioni con l’ambiente e il comportamento sociale. Ad esempio, i paleontologi erano rimasti a lungo perplessi davanti agli insoliti teschi a cupola dei Pachicefalosauri, piccoli dinosauri erbivori. La scoperta di lesioni ossee derivanti da lesioni negli adulti ha suggerito che usassero le cupole per colpire le teste, un po’ come fanno le pecore dalle grandi corna.

La patologia più comune rilevata nei reperti fossili è la frattura ossea che ha lasciato alcuni dinosauri sopravvivere con un enorme dolore. Uno studioso ha analizzato un dinosauro con una cresta lunga e curva. Per anni gli esperti avevano pensato che questa fossa una composizione naturale dell’animale. Tuttavia secondo una nuova analisi è stato scoperto che era una frattura alla schiena. La creatura aveva anche costole rotte, un bacino deformato e una lesione dentale. Secondo i ricercatori la lesione sia dovuta dalla caduta di una roccia o di un albero che non ha ucciso immediatamente l’animale.

Alcuni dinosauri sono stati in grado di sopravvivere a gravi lesioni. Inoltre molti erano afflitti da forme di cancro che spesso abbiamo anche noi umani, come per esempio l’osteosarcoma, un tipo di cancro osseo davvero aggressivo. Questo dinosauro aveva una grande crescita eccessiva di osso simile a un cavolfiore sul piede ma, che la crescita non si era diffusa ad altre parti del corpo dell’animale, e non pensava che avrebbe seriamente influenzato la sua vita quotidiana.

Un’altra specie di dinosauri ha avuto problemi riguardo parassiti e di gotta che sono strettamente collegate alla dieta ricca di carne. La condizione negli animali oggi, compresi uccelli e rettili, può essere il risultato di disidratazione o insufficienza renale. Negli esseri umani, è associato a cibi che hanno un alto contenuto di purine, come la carne rossa, qualcosa che senza dubbio costituiva la maggior parte dei pasti di questi splendidi esemplari.

Foto di Michael Watts da Pixabay