ora legale. ora solare, cambio orario, marzo 2021
Foto di Wolfgang Eckert da Pixabay
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Questo fine settimana torna l’ora legale. Nella notte tra sabato 27 marzo e domenica 28 marzo 2021, le lancette andranno spostate un’ora avanti, dalle 2:00 alle 3:00. Questo significa dunque che dormiremo un ora in meno, ma potremo godere di un ora in più di luce.

Nonostante si sia a lungo dibattuto sull’abbandono del cambio di orario, anche nel 2021 l’ora legale resterà in vigore solo fino all’ultimo weekend di ottobre, esattamente fino alla notte fra il 30 ed il 31 ottobre 2021. Ad Halloween dunque avremo un ora in più per i festeggiamenti, Covid-19 permettendo.

 

La proposta della Comissione Europea di abbandonare l’ora solare in favore dell’ora legale

E chissà che questo non sia davvero l’ultimo anno per il cambio di orario. Si continua infatti a parlare, a livello europeo, dell’abolizione dell’ora solare in favore di quella legale, che potrebbe diventare permanente. Nel 2018 infatti, una consultazione online dimostro che l’85% degli intervistati è favorevole all’abolizione del cambio dell’ora.

Una percentuale molto alta, ottenuta su un campione record di 4,6 milioni di cittadini europei, che non trovano di loro gradimento spostare le lancette di tutti gli orologi due volte all’anno. La questione era dunque giunta la Parlamento Europeo, che si era dunque dichiarato favorevole alla sospensione del cambio di orario, rendendo permanente l’ora legale.

Ma da allora la richiesta della Commissione di sopprimere il cambio d’orario, è già stata rimandata sia nel 2019, che nel 2020. Con l’avvicinarsi del nuovo cambio l’argomento potrebbe tornare in auge, ma probabilmente, con il Pianeta infestato dal Sars-CoV-2, per quest’anno le priorità potrebbero essere diverse. Il 2021 dunque potrebbe non essere, anche stavolta, l’ultimo anno in cui sposteremo tutti le lancette dell’orologio.

Anche se tra smartphone, smartwatch, computer e tutto ciò che è dotato di connessione, il cambio dell’ora avviene in automatico, senza lasciare traccia e senza che ce ne accorgiamo.