asteroidi
Foto di Frantisek Krejci da Pixabay

Dopo il 2019 YP5, la roccia spaziale delle dimensioni della Piramide di Giza che ci ha sfiorati due settimane fa, si prevede che un altro asteroide sfiorerà la Terra il 21 marzo alle 17:03. Chiamato “2001 F032“, questo asteroide è stato classificato dalla NASA come un “oggetto potenzialmente pericoloso” a causa del suo passaggio ravvicinato alla Terra. Secondo il NASA Center for Near-Earth Object Studies (Cneos), questa designazione è attribuita a rocce spaziali la cui orbita interseca quella della Terra a una distanza inferiore a 7,5 milioni di km e il cui diametro supera i 140 metri.

Ma niente panico, anche se è l’asteroide più grande (dimensione stimata tra 0,767 e 1,714 chilometri di diametro) e più veloce (velocità superiore a 34,4 chilometri al secondo) del 2021, passerà a circa 2 milioni di chilometri dalla Terra. Non vi è quindi alcun rischio che questo asteroide entri in collisione con la Terra quando si avvicina.

 

Un'”amicizia” divecchia data

Questa roccia spaziale, che è stata individuata dai telescopi nel New Mexico il 23 marzo 2001, delizierà ancora gli astronomi che possono osservarlo soltanto grazie ad un telescopio.

Si noti che nessun asteroide conosciuto rappresenta un rischio significativo per la Terra per i prossimi 100 anni. “Abbiamo già inventariato più del 95% degli asteroidi più grandi (1 chilometro di lunghezza e larghezza) e sappiamo che nessuno di loro ci colpirà nel prossimo secolo“, afferma Paul Chodas, direttore del CNEOS. La più grande minaccia attualmente conosciuta è un asteroide chiamato (410777) 2009 FD, che ha una possibilità su 714 (meno dello 0,2%) di colpire la Terra nel 2185, almeno secondo il Planetary Defense Coordination Office (PDCO) della NASA.