uovo-molle

Gli scienziati l’hanno soprannominato “The Thing“. Ora, quasi dieci anni dopo, sanno che il misterioso fossile delle dimensioni di un pallone da calcio scoperto in Antartide è in realtà un uovo a guscio molle, probabilmente deposto da un tipo già estinto di serpente o lucertola marina.

È molto raro trovare fossili di uova con guscio molle così ben conservate. È di gran lunga il più grande mai scoperto”, ha detto Lucas Legendre, ricercatrice dell’Università del Texas ad Austin, e uno degli autori dello studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

Il fossile, che misura 28 per 18 centimetri, è stato scoperto nel 2011 da un gruppo di scienziati cileni che lavoravano in Antartide. Per anni, altri scienziati hanno esaminato il fossile invano fino a quando, nel 2018, un paleontologo ha suggerito che potrebbe essere un uovo (che ora è confermato).

L’analisi delle sezioni fossili ha rivelato “una struttura a strati simile a una membrana morbida e uno strato esterno molto più sottile, suggerendo che il guscio era morbido“, ha detto Legendre. “Ciò è stato confermato anche da analisi chimiche, che hanno dimostrato che il guscio d’uovo è distinto dal sedimento circostante e che in origine era un tessuto vivente“, aggiunge.

 

Un uovo di “dubbia” provenienza

Il team ritiene che l’uovo non appartenga a un dinosauro, poiché i tipi di dinosauri che vivevano in Antartide a quel tempo erano troppo piccoli per produrre un uovo del genere, e quelli abbastanza grandi erano sferici e non ovali.

I ricercatori ritengono che l’uovo provenga da un rettile marino, probabilmente da un gruppo noto come mosasauri, che era comune nella regione. Inoltre, l’uovo è stato scoperto in un luogo in cui erano stati trovati anche scheletri di piccoli mosasauri e altri rettili marini dell’ordine plesiosauria.