mucche-vaccino

L’aiuto nel trattamento del Covid-19 potrebbe giungere dal luogo più inaspettato. SAb Biotherapeutics conta sull’aiuto delle mucche per la produzione di anticorpi policlonali per il trattamento o addirittura la prevenzione del Covid-19. La società responsabile ha già esperienza nella lotta contro altri coronavirus.

Le mucche utilizzate ricevono geni dal sistema immunitario umano che producono anticorpi. Questo li porta a cercare di combattere ciò che il corpo vede come un’infezione. Pertanto, “producono un anticorpo ad alta neutralizzazione specificamente mirato che può essere utilizzato sui pazienti“, afferma il CEO di SAb Eddie Sullivan. In teoria, questi anticorpi possono rallentare un’infezione in qualcuno che è malato o prevenire l’infezione in qualcuno che è esposto al virus.

 

Perchè le mucche

Le mucche sono state l’animale scelto dagli scienziati poiché gli anticorpi circolano nel loro plasma ed è possibile rimuovere “tra 30 e 45 litri di plasma da ciascun animale, al mese“.

Abbiamo già una notevole esperienza nella produzione di questi anticorpi contro un coronavirus“, ha affermato Sullivan. SAb Biotherapeutics ha già prodotto anticorpi policlonali, ad esempio per la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS). Tuttavia, non vi è alcuna certezza che questi anticorpi agiscano nel trattamento o nella prevenzione di questo nuovo coronavirus.

Inizialmente, i ricercatori dell’Università di Pittsburgh, negli Stati Uniti, stanno cercando di capire se gli anticorpi causano più problemi di quelli che risolvono. I test effettuati consentiranno di vedere se gli anticorpi possono prevenire la malattia negli animali esposti al nuovo coronavirus. In caso di esito positivo, i test sull’uomo inizieranno entro la fine dell’estate. “Esamineremo la produzione di virus, la perdita di peso e i segni di infezione per valutare come si ammalano“, ha spiegato Sullivan.