diamond-princess-nave-coronavirus

Negli scorsi giorni una nave da crociera in viaggio verso i Caraibi, la The Anthem of the Seas, è stata bloccata in un porto delle Bermuda dopo che è stata dirottata dalle autorità locali. Il motivo del cambio di itinerario era dovuto alla presenza di una famiglia malata. Il rischio che la famiglia quattro persone fosse stata contagiata dal coronavirus era alto.

Quest’ultima aveva una lunga storia, anche recente, di viaggi nella provincia di Hubei, in Cina. Tale provincia è stata quella più colpita dal Covid-19 anche perché è l’epicentro dell’inizio del contagio, più precisamente nella città di Wuhan. In ogni caso, i test fatti nell’immediato ai quattro componenti hanno evidenziato che non si trattava del virus in questione.

Non è chiaro quante siano le persone a bordo di tale nave tra passeggeri e personale. In ogni casi, è stato evitato il peggio, è stato evitato di trasformare il tutto in una seconda Diamond Princess.

 

Diamond Princess: sempre più contagi

Attualmente i contagi confermati sulla nave sono 454 mentre nella mattina di oggi, lunedì 17 febbraio, il numero era molto più alto. Il numero si è abbassato principalmente per due motivi. In alcuni casi era un falso positivo. L’altro motivo è che molti passeggeri sono stati portati via dai ponti aerei indetti dal paese di origine, come per gli Stati Uniti.

La situazione è comunque grave. La nave, per quanto grande, è un ambiente che può favorire questo tipo di contagio e lo si sta vedendo tutt’ora. Nel giro di una settimana il numero di casi si è alzato pericolosamente. La Cina è il primo paese per numeri di contagi, più di 71.000. Il secondo paese è Singapore con 77. In mezzo ci sta la Diamond Princess con 454.