sveglia

Scegliere un suono di allarme più melodioso per svegliarti al mattino può essere la soluzione per evitare la tipica sonnolenza prima di andare a studiare o lavorare. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università RMIT suggerisce che la suono della sveglia può influire su quanto sei assonnato e goffo durante la mattina.

La ricerca, pubblicata a gennaio sulla rivista scientifica PLoS One, ha visto la partecipazione di 50 volontari, che hanno registrato online il tipo di suono che hanno sentito quando si sono svegliati al mattino. È stato anche chiesto loro di valutare la loro sonnolenza e livelli di attenzione.

 

Lo studio

La sonnolenza mattutina è un grave problema nella nostra giornata di 24 ore“, ha avvertito l’autore dello studio Stuart McFarlane. “Se non ti svegli correttamente, le tue prestazioni lavorative potrebbero essere compromesse per periodi fino a quattro ore e questo è associato a incidenti gravi“.

Sebbene il buon senso ci porti a pensare che un allarme “bip bip bip” sia più efficace nel risvegliarci, può avere un effetto negativo. Al contrario, un tono di sveglia più melodioso può aiutare in quest’ardua impresa.

La ricerca può aiutare a contribuire alla progettazione di interventi più efficienti che le persone possano utilizzare sui propri dispositivi e svegliarsi correttamente“, ha spiegato McFarlane. In effetti, anche gli astronauti della NASA ammettono di soffrire della cosiddetta “inerzia del sonno“, che influenza le loro prestazioni sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Un suono melodico come “Good Vibrations” dei Beach Boys, o “Close to Me” di The Cure, può essere la soluzione per svegliarti più facilmente ed essere meno assonnato.