didimo-londra

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha pubblicato sui social network spettacolari illustrazioni del sistema binario di asteroidi Didimos e di come queste rocce spaziali apparirebbero su alcuni monumenti emblematici nel caso arrivassero sulla Terra.

Questo sistema cosmico è composto da due asteroidi: Didimo – 780 metri di diametro – e la sua “luna” Didymoon di 160 metri. Sebbene Didymoon sia il più piccolo di questo sistema binario, le sue dimensioni sono sufficienti per distruggere una città. L’ESA osserva sul suo account Twitter le proporzioni delle rocce spaziali insieme a un’illustrazione che vede a confronto, tra gli altri, il Parlamento britannico a Londra.

 

Lune monumentali

Inoltre, la “luna” di Didimo “sarà il più piccolo corpo naturale che è stato il bersaglio di una missione spaziale, ma è ancora abbastanza grande in termini umani“, ha scritto l’agenzia spaziale in un’altra pubblicazione, mostrando Didymoon stagliarsi sul Colosseo, a Roma.

Il 28 novembre, il Consiglio dei ministri dell’ESA ha approvato la missione di Hera, il cui scopo è testare le capacità di diversione di asteroidi che rappresentano una minaccia per il nostro pianeta. Hera fa parte di un progetto più ampio che sarà realizzato in collaborazione con la NASA. Questo è AIDA (Asteroid Impact and Deviation Assessment), che oltre a Hera è costituito dalla missione DART dell’agenzia spaziale americana.

L’idea è quella di far scontrare il veicolo spaziale DART nel 2022 contro Didymoon per modificare la sua orbita attorno a Didymos. In questo modo, verrà studiato l’impatto e quanto sarebbe fattibile per l’umanità deviare un corpo cosmico dalla sua traiettoria se fosse mai in procinto di collisione con il nostro pianeta. In seguito, Hera analizzerà la composizione del minore di quei due asteroidi.