meteorite-costa-rica

Un meteorite “delle dimensioni di una lavatrice” è “piovuto” in una città del Costa Rica il mese scorso. Da allora, l’hanno classificato come una “palla di argilla extraterrestre” che potrebbe fornire informazioni sull’origine del nostro sistema solare, affermano gli scienziati.

Gli abitanti di Aguas Zarcas, una piccola città in Costa Rica, hanno originariamente riferito cheGli scienziati avvertono della radioattività nel meteorite caduto a Cuba la meteora era una “grande palla di fuoco nel cielo” quando è apparsa per la prima volta il 23 aprile. Quando la meteora è entrata nell’atmosfera, ha fatto irruzione esplodendo in centinaia di meteoriti che sono piovuti letteralmente in giro per la città, tra cui una roccia di due chili che si è schiantata sul tetto di uno sfortunato abitante, rompendo un tavolo da pranzo.

Mentre i meteoriti secchi sono abbastanza comuni, gli scienziati hanno scoperto che quelli che sono sbarcati in Costa Rica erano composti di argilla bagnata. Le rare “condriti carboniose” sono ricche di composti organici e ricche di acqua, che potrebbe fornire informazioni su come estrarre l’acqua dagli asteroidi nello spazio. 

 

Frammenti dal passato

Molte condriti carboniose sono sfere che possiedono tra l’80 e il 95% di argilla“, ha detto Laurence Garvie, ricercatrice presso la Scuola di esplorazione terrestre e spaziale e curatrice del Centro per studi meteorologici presso la State University of California. “Le argille sono importanti perché l’acqua è parte integrante della loro struttura“. Dopo i primi rapporti, gli scienziati sono accorsi per raccogliere alcuni pezzi di storia prima che i frammenti di meteorite potessero essere distrutti dalla pioggia. Un totale di 55 frammenti sono stati recuperati finora.

Garvie ha detto che gli scienziati di tutto il mondo studieranno queste meteoriti nei prossimi anni, in cerca di uno sguardo sulla storia del Sistema Solare. “La natura ha detto ‘sei qui’ e ora dobbiamo essere abbastanza intelligenti da separare i singoli componenti e capire cosa ci stanno dicendo“, ha detto Garvie.

Gli scienziati hanno già determinato da dove viene la meteora. “Si è formata in un ambiente di vita libero, quindi è rimasta al freddo e nel vuoto dello spazio per 4.560 milioni di anni e poi è piombata in Costa Rica“, ha spiegato Garvie. “Le condriti carbonacee sono relativamente rare tra i meteoriti, ma sono tra le più ricercate dagli scienziati perché contengono gli indizi meglio conservati sull’origine del sistema solare“, ha affermato il direttore del centro, Meenakshi Wadhwa . “Questo nuovo meteorite rappresenta una delle aggiunte più significative dal punto di vista scientifico della nostra meravigliosa collezione negli ultimi anni“.