cani-convulsioni

L’olfatto fine dei cani consente loro di fare cose che nessuna tecnologia umana è stata in grado di raggiungere, come il rilevamento di droghe, esplosivi e persino malattie come il cancro.

Molto è stato discusso sulla capacità dei cani di supporto di rispondere e persino di rilevare attacchi epilettici prima che si verifichino, poiché questa capacità non è mai stata verificata in test scientifici.

 

Riconoscimento degli odori

In questo senso, i risultati di uno studio recente suggeriscono che, dimostrando che gli esseri umani emettono un odore specifico durante le crisi epilettiche, alcuni cani possono riconoscerle.

I risultati di questo studio potrebbero portare a nuovi meccanismi di rilevamento delle crisi.
Per lo studio, il team di ricercatori ha valutato la risposta di 5 cani (3 femmine, 2 maschi) di razze diverse. Inizialmente, i ricercatori hanno proceduto a raccogliere una serie di campioni di sudore da sette pazienti con diversi tipi di epilessia in una varietà di attività, come il riposo, l’esercizio o il verificarsi di un attacco.

Ai volontari è stato chiesto di pulirsi le mani, la fronte e il collo con un batuffolo di cotone subito dopo un attacco. Quindi, hanno inserito il pad in una busta con chiusura a zip, e prima di sigillarlo, i volontari hanno espirato il loro respiro nella borsa.

Con questi campioni, il team ha preparato un set di 7 contenitori, una sola contenente l’odore specifico di convulsioni. Questi sono stati presentati ai cani e gli è stato chiesto di identificare quella legata ad una certa tipologia di odore. Il test è stato ripetuto 9 volte con ciascun animale.

 

Identificazione positiva

Tutti i cani sono stati in grado di identificare positivamente i bersagli che contenevano l’odore di convulsioni. I tassi di successo variavano dal 67 al 100 percento. Il team mette in evidenza che tre dei cinque cani hanno ottenuto un punteggio perfetto nei nove test. I risultati dello studio mostrano che gli esseri umani emettono sostanze chimiche odorose durante le crisi epilettiche, che i cani possono rilevare.

Questi risultati mostrano chiaramente che esiste effettivamente un odore specifico che distingue le crisi epilettiche. La sensibilità e la specificità ottenute sono state tra le più alte finora mostrate per la discriminazione delle malattie“, spiegano gli esperti.

Gli autori dello studio osservano che questa è la prima volta che è stato dimostrato che gli esseri umani emettono sostanze chimiche odorose durante le crisi epilettiche, che possono essere rilevate dal senso eccezionale dell’odore canino.

Questa scoperta spiana la strada a futuri test o prospettive di formazione che potrebbero consentire ai cani di rispondere meglio o persino allertare in merito alle convulsioni prima che si verifichino e potrebbe portare a nuovi meccanismi di rilevamento delle crisi o nuovi approcci allo studio dell’epilessia.