isola-pacifico

Quattro anni fa, nel dicembre 2014, un’eruzione vulcanica nel mezzo dell’Oceano Pacifico, ha permesso la creazione di un nuovo mondo, effimero, che gli scienziati dubitavano potesse essere mantenuto nel tempo.

Il nuovo territorio, soprannominato Hunga Tonga-Hunga Ha’apai dal nome combinato dei suoi vicini, ha ora mostrato ai ricercatori della NASA che, per la prima volta, hanno messo radici nel territorio caratteristiche totalmente diverse da quelle che avevano registrato attraverso i satelliti.

 

Una nascita esplosiva

La sua nascita è stata contrassegnata da una nuvola di materiale incandescente e fumo di 9 chilometri di altezza, che ha costretto anche a deviare i voli che hanno attraversato l’area nel gennaio 2015. La nuova isola occupava uno spazio nel mezzo di due più vecchie isole vicino al regno di Tonga, nel Pacifico meridionale.

I ricercatori dubitavano che l’isola, l’ultima originata da un’eruzione vulcanica in 150 anni, potesse essere mantenuta in tempo. E, anzi, avrebbero anche scommesso che in questa occasione l’isola sarebbe scomparsa prima dei 30 anni.

Tuttavia, una spedizione della NASA si è dimostrata più che sorpresa dai risultati di questa esplorazione, perché sostiene che la sua formazione possa dare indizi su come i paesaggi vulcanici abbiano interagito con l’acqua sulla superficie di Marte.

Dan Slayback, del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, è uno dei ricercatori coinvolti nel progetto e, dalla nascita dell’isola, ha cercato di mappare il terreno.

Secondo il blog della NASA, il gruppo di scienziati arrivati ​​a Hunga Tonga-Hunga Ha’apai, tra cui Slayback, ha trovato una serie di aspetti inaspettati. E, sebbene gli scienziati assicurino che ci fossero ancora molte domande a cui rispondere, la spedizione ha permesso di avanzare un po’ di più nella comprensione del processo di formazione di nuovi territori.