caffè
Il caffè rende immortali?

Il maggiore consumo di caffè potrebbe portare a condurre una vita più lunga. E’ la conclusione cui sono giunti ben due nuovi studi pubblicati in questi giorno. I risultati sono stati riformulati secondo precedenti studi e ricerche di lunga data in merito agli effetti sulla salute del caffè.

Uno dei due studi ha analizzato più di 520 mila persone in 10 paesi europei, rendendolo il più grande studio riguardo il caffè e la mortalità ed è giunto alla conclusione che bere più caffè potrebbe significativamente ridurre il rischio di mortalità di un individuo.
 
Il secondo studio è stato considerato in chiave più moderna, in quanto si è concentrato sulle popolazioni non bianche. Dopo aver esaminato più di 185 mila afro-americani, nativi americani, hawaiani, giapponesi americani, latini e bianchi, i ricercatori hanno scoperto che il caffè aumenta la longevità in varie razze.
 
Secondo lo studio, le persone che bevevano due o quattro bicchieri al giorno avevano un rischio di morte inferiore del 18% rispetto alle persone che non ne bevevano affatto. Questi risultati sono coerenti con studi precedenti che hanno esaminato la maggioranza delle popolazioni bianche, ha affermato Veronica Wendy Setiawan, professore associato di medicina preventiva presso la Keck School of Medicine di USC, che ha condotto lo studio sulle popolazioni non bianche. “Queste popolazioni sono molto diverse, tutte queste persone hanno diversi stili di vita, hanno abitudini alimentari molto diverse e diverse suscettibilità – e abbiamo ancora modelli simili“, ha spiegato.
 
 
Il nuovo studio dimostra che esiste una più forte possibilità biologica per il rapporto tra caffè e longevità e che la mortalità è inversamente correlata al consumo di caffè per le malattie cardiache, il cancro, le malattie respiratorie, l’ictus, il diabete e le malattie renali.
Lo studio sui paesi europei ha rivelato un’associazione inversa tra il caffè e le malattie del fegato, il suicidio negli uomini, il cancro nelle donne, le malattie digestive e le malattie circolatorie. Coloro che bevevano tre o più bicchieri al giorno avevano un rischio minore di incorrere in morte rispetto a quanti, al contrario non ne bevevano.
 
Entrambi gli studi sono stati pubblicati su Annals of Internal Medicine.