vaiolo-delle-scimmie-acqua
Image by Samuel F. Johanns from Pixabay

Il vaiolo delle scimmie, la nuova emergenza mondiale sanitaria secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sta facendo preoccupare sempre di più. Secondo nuovi studi sul virus in questione, può di fatto sopravvivere in acqua per diversi giorni senza perdere la possibilità di infettare. Non solo però. Si parla anche della possibilità di sopravvivere per settimane nel cibo refrigerato rimane sempre pericoloso.

Questo rende di fatto il virus più pericoloso anche se non è ovviamente una capacità acquisita di recente. Rende solo per chiaro con cosa abbiamo a che fare anche perché ci sono stati i primi decessi legati al vaiolo delle scimmie in assoluto al di fuori dell’Africa nei giorni scorsi. Per quanto riguarda il numero di casi resi ufficiali, si parla di oltre 22.000 in giro per il mondo.

 

Vaiolo delle scimmie: un pericolo sempre più grande

Come con il coronavirus, capire come il virus si comporta negli ambienti è importante per cercare di capire cosa può fare. Tralasciando acqua, gli esperti in sanità hanno visto il virus del vaiolo delle scimmie sopravvivere senza problemi sulle superfici normali anche per due settimane. Questo è stato visto nella casa di un caso ufficiale che appunto non ci metteva piedi da 15 giorni. È già stato visto che i casi possono avvenire semplicemente tramite lenzuola o vestiti con la presenza dell’agente patogeno.

Le iniziali trasmissioni del vaiolo delle scimmie sono avvenute per vie di attività sessuali non protette. Si parla di due focolai conosciuti. Da lì la diffusione è iniziata senza sosta in molto paesi in giro per il mondo e ora la situazione sembra andare verso una problema ancora più grande e di difficile contenimento.