termiti

I nidi di termiti sono molto complessi e gli scienziati sanno ben poco della costruzione di strutture così impressionanti. Secondo uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di Roehampton, nel Regno Unito, questi animali sono governati da una semplice regola architettonica durante la costruzione di nidi.

Il team suggerisce che si tratta della curvatura locale della superficie del nido (quando la superficie si discosta da una superficie piana) che fa sì che le termiti depositino nuovi granuli e continuino la costruzione.

 

La semplice regola architettonica

Scansionando campioni di nidi reali di due specie di Nasutitermes e confrontandoli con nidi simulati al computer (costruiti sulla base dell’ipotesi della curvatura locale), il team ha trovato una grande somiglianza tra i nidi reali e le simulazioni.

Questa singola regola architettonica era sufficiente a riprodurre una serie di caratteristiche di nidi reali usando simulazioni al computer: le termiti hanno un’alta tendenza a depositare nuovi strati nei siti del nido dove c’è una regione incompiuta con alta curvatura, un muro, un bordo o una pietra angolare.

I risultati sono stati pubblicati nel Journal of the Royal Society Interface.

Giulio Facchini, dell’Università di Roehampton, ha affermato che questo meccanismo di costruzione può riprodurre molte delle caratteristiche dei nidi di termiti, “anche se sappiamo che specie diverse possono produrre nidi con dimensioni, forme e strutture interne diverse“.