orso-catturato-trento-animali

Il 14 luglio scorso, dall’area faunistica di Casteller, è scappato un orso noto come M49, un nome che non evoca chissà che emozioni, ma che serviva a identificarlo. Duranti questi mesi ha vagato tra i monti Tione nei press di Trento. Alla fine, ieri sera verso le 21:30, il Corpo Forestale è riuscito a catturarlo e adesso stanno cercando una nuova casa.

La cattura è stata abbastanza semplice e veloce nonostante il peso dell’esemplare, 167 Kg e in buone condizione fisiche. La cattura ha seguito delle procedure particolari per salvaguardare la salute del suddetto; un problema poteva arrivare dal cuore a causa della situazione non esattamente pacifica per l’orso.

 

L’avventura dell’orso

Il letargo per M49 si era concluso a marzo. Da allora è stato avvistato più volte per una grossa area raggiungendo a volte anche il Veneto per la ricerca del cibo. Purtroppo ha fatto molti danni durante queste ricerche, per questo l’allerta in merito era molto alta e la cattura necessaria. La popolazione di orsi delle Alpi orientali è di 50 esemplari, ma quasi nessuno era così attivo nella ricerca di cibo nei pressi di centri abitati.

Attualmente il ministro dell’Ambiente si sta impegnando con gli esperti perla ricerca di una casa adeguata; le parole riportate da Repubblica: “Mi sto adoperando con tutti i canali possibili, per trovare una nuova casa a M49. Stiamo sondando parchi europei, contattando Paesi dove questo tipo di orso potrebbe vivere bene e senza rischi, attivando anche i canali diplomatici. L’obiettivo è regalare a questo orso, a cui vogliamo bene, la migliore casa possibile”.