re-thailandia-harem-germania

La quarantena è uguale per tutti? Dipende da che punto la si guardi. Alcuni sono costretti chiusi in piccole case, altri in grosse regge dotate di tutto. Paradossalmente, quando sei abituato a ben altro, anche la tua casa lussuosa potrebbe non bastare. Prendiamo come esempio il re della Thailandia il quale ha deciso di isolarsi dal resto del mondo in un hotel non esattamente economico in Germania, per la precisione nella località turistica di Garmisch-Partenkirchen.

Ci è andato da solo? Ovviamente no, si è portato con sé tutto il suo entourage. Servitù, collaboratori più stretti e anche un gruppetto particolare di donne. Si tratta del suo harem, venti concubine pronte a soddisfare qualsiasi richiesta da parte del reale. Non si sa se ci sono siano anche le quattro mogli.

 

La quarantena del re della Thailandia

Mentre tutti gli alberi e i residence della regione sono stati chiusi, il Grand Hotel Sonnenbichl è potuto rimanere aperto in quanto i clienti in questione fanno tutti parte dello stesso gruppo, anche se si tratta di 119 persone.

Ovviamente la notizia ha causato diverse proteste in Thailandia dove le persone non hanno preso benissimo il fatto che il re sia scappato fuori. Sono così arrabbiati che stanno apertamente criticando la monarchia, un’azione considerata illegale e punibile con il carcere, fino a 15 anni. Proprio per questo motivo non si sa quanto sia alta, o bassa, la popolarità del suddetto che è salito al trono nel 2016 in seguito alla morte del padre. Sicuramente, dopo tutto questo sarà comunque scesa e anche di molto.