Il lago Fusaro era una volta una palude, almeno fino al 18° secolo, quando veniva utilizzato per coltivare cozze e ostriche. Sotto il re borbonico di Napoli, Ferdinando IV, divenne la riserva privata di caccia e pesca della famiglia reale, che costruì questa casa di caccia incredibilmente affascinante su una piccola isola sul lago.

Completata nel 1782, la capanna di caccia è composta da tre ottagoni che si intersecano e sembra quasi una pagoda. Fu costruita su un isolotto preesistente che un tempo ospitava un vecchio edificio utilizzato come deposito per le attrezzature da pesca. La Casina, o “casetta”, è collegata alla terraferma da un molo di legno. Un piccolo giardino si trova sul ponte con varie aiuole e una ricca vegetazione.

Il lavoro di costruzione della loggia reale fu affidato (e intitolato a) l’architetto della Reggia di Caserta, Luigi Vanvitelli, e in seguito suo figlio, Carlo Vanvitelli. La casa fu anche utilizzata per ospitare luminari del 18° secolo come Mozart, Rossini e vari re, imperatori e zar. Più recentemente è stato utilizzato come set cinematografico e il luogo pittoresco di numerosi matrimoni.

Nella seguente gallery, alcune immagini di questo posto incantevole: