virus-toporagno

Un animale dall’aspetto amichevole può contaminare l’uomo con una malattia mortale. I gatti possono agire come intermediari in un modo che rimane ancora ignoto per gli scienziati. Stiamo parlando del virus della malattia 1 Borna (BoDV-1) che è trasmesso dagli insetti. Ora è risaputo che non solo è in grado di infettare l’uomo, ma può anche essere fatale. Questo studio è stato pubblicato questo mese da un team di scienziati tedeschi sulla rivista Infectious Diseases.

L’unico ospite naturale noto è il Crocidura leucodon, meglio noto come toporagno. Tuttavia, misteriosamente, il virus infetta questi animali senza causare loro alcuna malattia. Nell’uomo, la situazione è completamente opposta, essendo in grado di causare encefalite, una rara condizione in cui il cervello si irrita e diventa gonfio. I sintomi sono molto simili a quelli dell’influenza, ma nel peggiore dei casi possono portare ad allucinazioni, convulsioni, perdita di sensibilità e persino morte.

 

La ricerca

Analizzando 56 pazienti con encefalite per 20 anni, gli scienziati hanno trovato anticorpi BoDV-1 in otto casi. Sorprendentemente, gli scienziati non sanno ancora come o perché gli umani vengano infettati.

Ma i ricercatori ritengono che il colpevole sia un toporagno, un insettivoro che a prima vista sembra innocuo, ma in alcuni casi può persino essere velenoso. Inoltre, sospettano che i gatti possano agire come intermediari per trasmettere il virus all’uomo.

Cinque degli otto pazienti in cui sono stati trovati anticorpi BoDV-1 avevano gatti. Almeno due di questi mici, ad un certo punto, hanno portato a casa piccoli animali. Sebbene il rischio di contaminazione sia relativamente basso, i ricercatori hanno avvertito i tedeschi di fare attenzione agli animali che i loro gatti potrebbero eventualmente portare a casa.